Produzione e scorte di banconote

La produzione delle banconote in euro è il risultato della collaborazione tra banche centrali nazionali (BCN) e BCE. Questa ha inizio con il calcolo del quantitativo di biglietti necessari ogni anno: occorre produrre nuove banconote in quantità sufficiente a sostituire quelle non più idonee alla circolazione, nonché a soddisfare incrementi della domanda attesi (compresi i picchi stagionali) e inattesi. Le previsioni circa la domanda di banconote in euro per l’anno seguente sono fornite dalle BCN, mentre la BCE formula una stima centrale. Le BCN ridistribuiscono i biglietti, sotto la supervisione della BCE, per evitare che vengano a mancare o si accumulino in un paese.

Produzione

Per garantire maggiore efficienza, la stampa delle banconote è ripartita fra le diverse BCN. La BCE assegna i volumi di produzione a una rosa di BCN, le quali forniscono pertanto una quota precisa della produzione annua totale per uno o più tagli. Ognuna si fa carico dei costi di fabbricazione relativi alla quota di banconote ad essa assegnata. Ad esempio, nel 2012 le banche centrali di Belgio, Germania, Italia e Spagna hanno prodotto 1,5 miliardi di biglietti da €50.

In Europa sono circa 16 le officine carte valori che, protette da sofisticati sistemi di sicurezza, fabbricano le banconote. Queste sono poi distribuite alle varie BCN.

L’organizzazione della produzione e il sistema comune di gestione della qualità assicurano standard uniformi per tutti i biglietti in euro. Centinaia di test, manuali o automatizzati, sono eseguiti in ogni fase del processo produttivo per assicurare che tutte le banconote provenienti dalle diverse officine carte valori siano identiche.

Le banconote in euro della serie “Europa”, proprio come quelle della prima serie, sono stampate su carta in fibre di puro cotone, che conferisce loro una particolare consistenza e una maggiore resistenza all’usura rispetto alla carta comune. Alcune caratteristiche di sicurezza, come la filigrana e il filo di sicurezza, sono incorporate nella carta stessa.

Nel processo di fabbricazione sono impiegati diversi tipi di lastre e inchiostri speciali, nonché varie tecniche: stampa offset e calcografica, impressione a caldo dell’ologramma e stampa serigrafica per il numero di colore cangiante.

Produzione delle nuove banconote da €50

La Scorta strategica dell’Eurosistema

Nel settembre 2002 il Consiglio direttivo ha deciso di istituire una Scorta strategica dell’Eurosistema a cui fare ricorso in circostanze eccezionali, qualora le scorte logistiche dell’Eurosistema fossero insufficienti per fronteggiare un aumento inatteso della domanda di biglietti in euro o in caso di improvvisa interruzione della loro fornitura.

Le scorte logistiche e strategiche consentono alle banche centrali nazionali di far fronte, in qualsiasi momento, a eventuali variazioni della domanda di banconote indipendentemente dal paese interessato, che appartenga o meno all’area dell’euro. Le scorte logistiche servono a soddisfare la domanda di biglietti in condizioni di normalità, allo scopo di:

  • sostituire le banconote non più idonee alla circolazione (di cattiva qualità) che vengono ritirate
  • fronteggiare aumenti previsti della circolazione
  • rispondere alle fluttuazioni stagionali della domanda
  • ottimizzare il trasporto dei biglietti fra le filiali delle banche centrali.

Maneggi spesso contante per motivi professionali? Consulta tutto il materiale informativo sulle banconote in euro.