Relazioni con istituzioni internazionali

Contesto istituzionale

La BCE interviene nella cooperazione economica internazionale per quanto riguarda gli ambiti di competenza dell’Eurosistema. Tuttavia, la sua partecipazione dipende dai compiti interessati: a seconda dei casi la BCE può rappresentare posizioni relative alla politica monetaria unica o può formulare posizioni proprie, accanto a quelle di altri responsabili delle politiche nell’Unione europea.

Il ruolo della BCE nella cooperazione internazionale si basa sulle disposizioni di cui all’articolo 138 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea e agli articoli 6.1 e 12.5 dello Statuto del SEBC.

Relazioni internazionali della BCE

Un elemento importante della cooperazione internazionale cui partecipa la BCE consiste nel reciproco scambio di informazioni e di opinioni con altri responsabili di politica economica nell’ambito di organizzazioni e consessi multilaterali. In particolare, la mutua valutazione degli andamenti e delle politiche in campo economico nei maggiori paesi e nelle principali regioni, soprattutto in seno al G20, migliora le capacità di analisi della BCE riguardo all’impatto delle dinamiche esterne sull’economia dell’area dell’euro. Dato il carattere volontario e non vincolante di questa forma di cooperazione, essa non incide sull’indipendenza della BCE.

Lo scambio di informazioni e opinioni e la reciproca valutazione delle politiche sono completati dalla sorveglianza, compresa quella dell’area dell’euro, svolta da organizzazioni indipendenti quale il Fondo monetario internazionale (FMI). Queste organizzazioni seguono e valutano regolarmente gli andamenti e le politiche in campo economico dei paesi membri. Se l’esame riguarda la politica monetaria dell’area dell’euro, la BCE è la sola controparte nel dialogo con tali organizzazioni. La sorveglianza internazionale rafforza la trasparenza della BCE, poiché le valutazioni sulle politiche economiche nell’area dell’euro sono rese pubbliche.

Nell’ambito delle proprie competenze la BCE partecipa anche alle iniziative della comunità internazionale volte a definire regole e migliori pratiche intese ad accrescere la stabilità finanziaria nonché l’efficienza e la trasparenza della politica economica. La nozione di una buona gestione pubblica è di fatto un cardine della cooperazione internazionale.

Infine, in circostanze eccezionali la BCE può coordinare i propri interventi con quelli delle banche centrali di paesi esterni all’area dell’euro.

La BCE

  • ha lo status di osservatore permanente presso l’FMI;
  • partecipa al G20 dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali, al G7 dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali (centro di informazioni del G8) e ad altri consessi;
  • è membro e detiene quote di capitale della Banca dei regolamenti internazionali (BRI). Partecipa agli organi direttivi e di vigilanza della BRI e a tutti i comitati e gruppi di lavoro ospitati dalla BRI, fra i quali il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria, il Comitato sui sistemi di pagamento e regolamento, il Comitato sul sistema finanziario globale e il Comitato sui mercati;
  • prende parte ad alcuni comitati e gruppi di lavoro dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), in cui siede al fianco della Commissione europea quale ulteriore membro della delegazione dell’UE;
  • interviene nel nuovo Consiglio per la stabilità finanziaria creato nell’aprile 2009 dai leader del G20 per sostituire il Forum per la stabilità finanziaria.

Inoltre, la BCE intrattiene varie relazioni bilaterali, anche con le banche centrali di paesi di tutto il mondo, e partecipa alle attività di diversi consessi regionali e interregionali nonché di banche di sviluppo regionali e multilaterali.

Pubblicazioni tematiche della BCE

  • “La rappresentanza esterna dell’UE e dell’UEM”, Bollettino mensile, BCE, maggio 2011.
  • “I rapporti della BCE con le organizzazioni e i consessi internazionali”, Bollettino mensile, BCE, gennaio 2001.

Nota: la versione italiana del Bollettino mensile è disponibile sul sito Internet della Banca d’Italia.