Opzioni di ricerca
Home Media Facciamo chiarezza Studi e pubblicazioni Statistiche Politica monetaria L‘euro Pagamenti e mercati Lavorare in BCE
Suggerimenti
Ordina per

Decisioni assunte dal Consiglio direttivo della BCE (in aggiunta a quelle che fissano i tassi di interesse)

Agosto - settembre 2020

25 settembre 2020

Operazioni di mercato

Accordi per una linea di pronti contro termine con le banche centrali della Repubblica di Macedonia del Nord e della Repubblica di San Marino

Il 18 agosto la BCE ha reso nota l’approvazione da parte del Consiglio direttivo della conclusione di due accordi per una linea di operazioni pronti contro termine per l’erogazione di liquidità in euro rispettivamente alla Banca nazionale della Repubblica di Macedonia del Nord e alla Banca Centrale della Repubblica di San Marino. Gli accordi sono finalizzati a far fronte all’eventuale fabbisogno di liquidità in euro in presenza di disfunzioni di mercato dovute allo shock legato alla pandemia di coronavirus (COVID-19). Si rimanda ai comunicati stampa disponibili nel sito Internet della BCE.

Minore frequenza delle operazioni di immissione di liquidità in dollari statunitensi con scadenza a sette giorni

Il 20 agosto il Consiglio direttivo ha deciso di modificare la frequenza delle operazioni di immissione di liquidità in dollari statunitensi con scadenza a sette giorni, che a decorrere dal 1o settembre saranno quindi condotte una volta alla settimana anziché tre volte alla settimana. In considerazione dei continui miglioramenti delle condizioni di finanziamento nella valuta statunitense e della domanda contenuta in occasione delle recenti operazioni di immissione di liquidità in dollari statunitensi con scadenza a sette giorni, le banche centrali della rete di swap (comprendente la Bank of England, la Banca del Giappone, la BCE, la Banca Nazionale Svizzera e il Federal Reserve System) hanno concordato la riduzione della loro frequenza. Quest’azione coordinata è stata annunciata con comunicati stampa pubblicati simultaneamente sui siti Internet di tutte le banche centrali della rete di swap.

Proroga delle linee di liquidità in euro con le banche centrali di Croazia e Romania

Il 28 agosto la BCE ha annunciato l’approvazione da parte del Consiglio direttivo della proroga di sei mesi, sino a fine giugno 2021, delle linee di liquidità in euro istituite con la Hrvatska narodna banka e la Banca Naţională a României. Gli accordi sono stati conclusi nei mesi scorsi per fornire liquidità in euro alle istituzioni finanziarie nei due paesi tramite le rispettive banche centrali per far fronte all’eventuale fabbisogno di liquidità in euro in presenza di disfunzioni di mercato dovute allo shock legato alla pandemia di coronavirus (COVID-19). Si rimanda ai comunicati stampa disponibili nel sito Internet della BCE.

Indirizzo che modifica il quadro di riferimento per i servizi di gestione delle riserve forniti dall’Eurosistema (Eurosystem Reserve Management Services, ERMS)

Il 7 settembre il Consiglio direttivo ha adottato l’Indirizzo (UE) 2020/1284 che modifica l’Indirizzo (UE) 2018/797 sull’erogazione da parte dell’Eurosistema di servizi di gestione delle riserve in euro a banche centrali non appartenenti all’area dell’euro, a paesi non appartenenti all’area dell’euro e a organizzazioni internazionali (BCE/2020/34). Le modifiche sono finalizzate ad accrescere ulteriormente la trasparenza nella segnalazione e nella condivisione di informazioni nell’ambito dell’Eurosistema e a migliorare l’analisi del funzionamento dell’ERMS. Le banche centrali dell’Eurosistema sono tenute a conformarsi al nuovo indirizzo a decorrere dal 1o aprile 2021. L’indirizzo è consultabile su EUR-Lex.

Decisione che modifica la Decisione (UE) 2019/1743 sulla remunerazione di riserve in eccesso e di alcuni depositi

L’8 settembre il Consiglio direttivo ha adottato la Decisione (UE) 2020/1264 che modifica la Decisione (UE) 2019/1743 sulla remunerazione di riserve in eccesso e di alcuni depositi (BCE/2020/38) in connessione con l’amministrazione dei prestiti erogati nell’ambito dello strumento di sostegno temporaneo per attenuare i rischi di disoccupazione in un’emergenza (SURE) istituito di recente dalla Commissione europea. La nuova decisione è l’attuazione tecnica della decisione assunta dal Consiglio direttivo lo scorso luglio in relazione agli aspetti operativi dei prestiti concessi nell’ambito dello strumento SURE. La decisione è entrata in vigore il 16 settembre ed è reperibile su EUR-Lex.

Idoneità delle attività negoziabili con strutture cedolari legate a obiettivi di sostenibilità

Il 21 settembre il Consiglio direttivo ha deciso di accettare gli strumenti di debito negoziabili con strutture cedolari legate a determinati obiettivi di performance in termini di sostenibilità ai fini dello stanziamento in garanzia nelle operazioni di politica monetaria dell’Eurosistema nonché negli acquisti definitivi dell’Eurosistema per finalità di politica monetaria, fermo restando che siano anche conformi a tutti gli altri criteri di idoneità pertinenti. La decisione entrerà in vigore il 1o gennaio 2021. Si rimanda al comunicato stampa disponibile nel sito Internet della BCE.

Audit esterno dello euro short-term rate (€STR)

Il 22 settembre il Consiglio direttivo ha preso atto della relazione preparata dal revisore esterno PricewaterhouseCoopers intitolata “Independent assurance report over the European Central Bank’s (ECB) Statement of Compliance with control processes defined in relation to governance, quality and accountability activities over the Euro Short-Term Rate (€STR) and its adherence to the International Organization of Securities Commissions (IOSCO) Principles for Financial Benchmarks” e ne ha autorizzato la pubblicazione sul sito Internet della BCE. La pubblicazione di questa relazione completa l’ultima tappa dell’attuazione dell’€STR come previsto dagli indirizzi della BCE in materia. Il documento sarà disponibile a breve sul sito Internet della BCE.

Infrastrutture di mercato e pagamenti

Modifiche degli accordi su Target2-Securities

Il 28 luglio il Consiglio direttivo ha preso atto delle revisioni relative agli allegati 6 dell’accordo quadro di Target2-Securities (TARGET2-Securities Framework Agreement, T2S FA) e dell’accordo di partecipazione di valuta di T2S (TARGET2-Securities Currency Participation Agreement, T2S CPA). Tali allegati delineano l’accordo sui livelli di servizio che definisce in particolare 1) i livelli di servizio in base a cui l’Eurosistema fornisce i servizi di T2S ai sistemi di deposito accentrato (SDA) partecipanti e alle banche centrali non appartenenti all’area dell’euro connesse e 2) gli indicatori chiave di performance. Le modifiche degli allegati 6 del T2S FA e del T2S CPA sono state determinate nell’ambito del regolare processo di riesame dell’accordo sui livelli di servizio.

2014-18 report on card fraud

Il 6 agosto il Consiglio direttivo ha approvato il sesto rapporto sulle frodi perpetrate mediante carte di pagamento e ne ha autorizzato la pubblicazione. Il rapporto analizza gli sviluppi in materia di frodi perpetrate mediante carte di pagamento, incentrandosi sui dati del 2018 nel contesto generale di un quinquennio fra il 2014 e il 2018, con una disaggregazione per i paesi dell’area unica dei pagamenti in euro (Single Euro Payments Area, SEPA). Le frodi sono diminuite tra il 2015 e il 2017 e sono poi aumentate lievemente nel 2018. Come negli anni precedenti, nel 2018 le operazioni con carte fraudolente sono state effettuate per la maggior parte a distanza, via e-mail, telefono oppure online. Il livello complessivo delle operazioni fraudolente e le nuove modalità con cui sono commesse evidenziano l’importanza di monitorare costantemente le frodi e adottare misure di sicurezza rafforzate. Il rapporto è consultabile sul sito Internet della BCE.

Risposta della BCE alla consultazione della Commissione europea su una nuova strategia sulla finanza digitale per l’Europa e un piano d’azione per le tecnologie finanziarie

Il 13 agosto il Consiglio direttivo ha approvato un contributo congiunto del Sistema europeo di banche centrali (SEBC) e della Vigilanza bancaria della BCE alla consultazione della Commissione europea relativa a una nuova strategia sulla finanza digitale per l’Europa e un piano d’azione per le tecnologie finanziarie e ne ha autorizzato la pubblicazione. La BCE è sostanzialmente favorevole alle aree prioritarie identificate dalla Commissione europea nel documento di consultazione e ritiene che la trasformazione digitale del settore bancario debba essere conseguita tenendo in debita considerazione i rischi connessi all’utilizzo di tecnologie innovative. Riguardo all’agevolazione dell’uso di identità finanziarie digitali in tutta l’UE, la BCE appoggia pienamente l’utilizzo obbligatorio di identificativi unici basati su standard globali riconosciuti a livello internazionale. La BCE sostiene la necessità di una più stretta cooperazione in tutta l’UE per i diversi programmi, tra cui gli spazi di sperimentazione normativa e i poli di innovazione, e riconosce i benefici di promuovere un dialogo aperto tra autorità di vigilanza e soggetti vigilati. La BCE reputa che la finanza aperta possa avere implicazioni per le banche vigilate, a livello sia di ente che sistemico, e sta adattando il suo approccio di vigilanza nei confronti dei soggetti regolamentati al nuovo panorama reso possibile dalla revisione della direttiva sui servizi di pagamento (Payment Services Directive, PSD2). Riconosce inoltre l’importanza di assicurare che la condivisione dei dati dei clienti, anche con prestatori terzi di servizi, risponda a chiari requisiti legali e soddisfi gli standard di sicurezza. Il contributo della BCE è disponibile sul suo sito Internet.

Rapporto della task force interna sulle criptoattività riguardo alle implicazioni delle stablecoin

Il 15 settembre il Consiglio direttivo ha preso atto di un rapporto sulle implicazioni delle stablecoin per la politica monetaria, la stabilità finanziaria, le infrastrutture di mercato, i pagamenti e la vigilanza bancaria nell’area dell’euro. Il documento presenta in sintesi l’esito di un’analisi sulle stablecoin condotta dalla task force sulle criptoattività costituita all’interno della BCE e valuta le implicazioni delle stablecoin per l’area dell’euro sulla base di tre scenari derivati dalle funzionalità delle stablecoin: 1) funzione accessoria delle stablecoin; 2) nuovo metodo di pagamento; 3) riserva di valore alternativa. Il rapporto è consultabile sul sito Internet della BCE.

Rapporto della task force ad alto livello dell’Eurosistema sulla valuta digitale di banca centrale

Il 23 settembre il Consiglio direttivo ha considerato un rapporto preparato dalla task force ad alto livello dell’Eurosistema sulla valuta digitale di banca centrale (High-Level Task Force on Central Bank Digital Currency, HLTF-CBDC) a cui nel gennaio 2020 aveva conferito il mandato di preparare un’analisi approfondita dei possibili benefici e sfide di una valuta digitale di banca centrale (central bank digital currency, CBDC), comprensiva degli aspetti funzionali e tecnologici. Il Consiglio direttivo ha discusso le principali conclusioni del rapporto e ne ha approvato la pubblicazione sul sito Internet della BCE, incaricando l’HLTF-CBDC di coinvolgere le diverse parti interessate sui suoi rilievi. Il documento sarà disponibile a breve sul sito Internet della BCE. La consultazione pubblica al riguardo sarà avviata a metà ottobre.

Pareri su proposte di disposizioni legislative

Parere della BCE relativo a una proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il Regolamento (UE) 2016/1011 per quanto riguarda l’esenzione di taluni indici di riferimento per le valute di paesi terzi e la designazione di indici di riferimento sostitutivi per determinati indici di riferimento in via di cessazione

Il 18 settembre il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2020/20, formulato su richiesta del Consiglio dell’Unione europea.

Parere della BCE in merito alla garanzia di un livello minimo di servizi di contante in Ungheria

Il 22 settembre il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2020/21, richiesto dalla Magyar Nemzeti Bank.

Parere della BCE sulle proposte di regolamenti che modificano il quadro di riferimento dell’Unione per la cartolarizzazione in risposta alla pandemia di COVID-19

Il 23 settembre il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2020/22, formulato su richiesta del Consiglio dell’Unione europea.

Governance interna

Raccomandazione della BCE al Consiglio dell’Unione europea relativamente ai revisori esterni della Suomen Pankki - Finlands Bank

Il 7 agosto il Consiglio direttivo ha adottato la Raccomandazione BCE/2020/37 al Consiglio dell’Unione europea relativamente ai revisori esterni della Suomen Pankki - Finlands Bank. La raccomandazione è consultabile su EUR-Lex.

Statistiche

Contributo del SEBC al rapporto di fattibilità dell’ABE di cui all’articolo 430c del regolamento sui requisiti patrimoniali (CRR 2)

Il 17 settembre il Consiglio direttivo ha approvato un rapporto contenente il contributo fornito dal SEBC al rapporto di fattibilità dell’Autorità bancaria europea (ABE) relativo allo sviluppo di un sistema coerente e integrato per la raccolta dei dati statistici, di risoluzione e prudenziali. Il rapporto del SEBC propone di ridurre gli oneri di segnalazione degli enti creditizi in relazione ai dati statistici, di risoluzione e prudenziali senza perdere il contenuto informativo che è indispensabile per le funzioni di politica monetaria, di risoluzione e di vigilanza. Il documento, unitamente al relativo comunicato stampa, è disponibile sul sito Internet della BCE.

Vigilanza bancaria

Conformità agli orientamenti ABE in materia di segnalazione e informativa in relazione alla crisi di COVID-19

Il 4 agosto il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di notificare all’Autorità bancaria europea (ABE) la conformità della BCE, per gli enti significativi sottoposti alla sua vigilanza diretta, agli Orientamenti in materia di segnalazione e informativa riguardanti le esposizioni soggette alle misure applicate in risposta alla crisi Covid-19 (EBA/GL/2020/07).

Rapporto della BCE sulle prassi ICAAP

L’8 agosto il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di pubblicare il rapporto sulle prassi delle banche in merito al processo interno di valutazione dell’adeguatezza patrimoniale (internal capital adequacy assessment process, ICAAP). Il documento riassume i risultati di un’analisi strutturata delle prassi ICAAP osservate in un campione di 37 banche, pone in evidenza le aree in cui le prassi delle banche appaiono più sviluppate nonché quelle in cui la BCE ritiene necessari ulteriori miglioramenti da parte delle banche. Il rapporto è consultabile nel sito Internet della BCE dedicato alla vigilanza bancaria.

Memorandum d’intesa in materia di vigilanza tra la BCE e la Banca nazionale di Moldavia e tra la BCE e la Financial Services Regulatory Authority di Abu Dhabi Global Market

Il 12 agosto il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni in merito alla proposta del Consiglio di vigilanza di concludere memorandum d’intesa in materia di vigilanza con la Banca nazionale di Moldavia e con la Financial Services Regulatory Authority di Abu Dhabi Global Market, finalizzati a formalizzare i meccanismi di cooperazione e condivisione delle informazioni tra la BCE e le due autorità di vigilanza.

Conformità agli orientamenti ABE in materia di concessione e monitoraggio dei prestiti

Il 17 agosto il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di notificare all’ABE che la BCE intende conformarsi, per gli enti significativi sottoposti alla sua vigilanza diretta, agli orientamenti dell’ABE in materia di concessione e monitoraggio dei prestiti (EBA/GL/2020/06) a partire dal 30 giugno 2021, data della loro applicazione. Gli orientamenti sono intesi ad assicurare che i prestiti di nuova erogazione abbiano una qualità creditizia adeguata grazie all’introduzione di requisiti per la valutazione del merito di credito dei prenditori e ad allineare le prassi degli enti alle norme sulla protezione dei consumatori.

Decisione della BCE relativa all’esclusione temporanea di talune esposizioni verso le banche centrali dalla misura dell’esposizione complessiva alla luce della pandemia di COVID-19

Il 27 agosto il Consiglio direttivo ha emesso un parere concordante con il Consiglio di vigilanza in merito alla presenza di “circostanze eccezionali” che consentono l’esclusione temporanea di talune esposizioni verso le banche centrali dal coefficiente di leva finanziaria. Il Consiglio direttivo ritiene pertanto che la condizione della sussistenza di circostanze eccezionali che giustificano l’esclusione temporanea di talune esposizioni verso le banche centrali dal calcolo delle misure dell’esposizione complessiva delle banche è soddisfatta per l’intera area dell’euro. Le autorità nazionali competenti dell’area che intendono esercitare la discrezionalità prevista all’articolo 500 ter, paragrafo 2, del Regolamento (UE) n. 575/2013 in relazione agli enti meno significativi possono avvalersi di questo parere emesso dalla BCE in qualità di autorità monetaria dell’area dell’euro. Questo parere di politica monetaria del Consiglio direttivo è stato seguito da una decisione del Consiglio direttivo per la sua competenza di vigilanza, la Decisione BCE/2020/44 relativa all’esclusione temporanea di talune esposizioni verso le banche centrali dalla misura dell’esposizione complessiva alla luce della pandemia di COVID-19, intesa a consentire agli enti significativi sottoposti alla sua vigilanza diretta di escludere talune esposizioni verso le banche centrali dal coefficiente di leva finanziaria. Le attività in questione includono le monete e banconote nonché i depositi detenuti presso la banca centrale. La decisione, unitamente al relativo comunicato stampa, è disponibile sul sito Internet della BCE.

Revisione della guida della BCE sulla metodologia di valutazione e resoconto della relativa consultazione

L’11 settembre il Consiglio direttivo non ha obiettato riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di pubblicare la versione rivista della guida della BCE alla metodologia di valutazione, che è stata aggiornata a seguito di una consultazione pubblica, nonché il resoconto della consultazione con una sintesi e valutazione dei commenti ricevuti durante la consultazione pubblica al riguardo. I documenti sono disponibili sul sito Internet della BCE dedicato alla vigilanza bancaria.

Conformità agli orientamenti dell’ABE sull’approccio pragmatico dello SREP per il 2020

Il 14 settembre il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di notificare all’Autorità bancaria europea (ABE) la conformità della BCE, per gli enti significativi sottoposti alla sua vigilanza diretta, agli orientamenti in materia di approccio pragmatico per il processo annuale di revisione e valutazione prudenziale (Supervisory Review and Evaluation Process, SREP) per il 2020 (EBA/GL/2020/10). Gli orientamenti forniscono alle autorità di vigilanza margini di flessibilità e pragmatismo per la conduzione dello SREP nel 2020 nel contesto della pandemia di COVID-19, preservando al tempo stesso la convergenza delle prassi di vigilanza nell’UE.

CONTATTI

Banca centrale europea

Direzione Generale Comunicazione

La riproduzione è consentita purché venga citata la fonte.

Contatti per i media