Decisioni assunte dal Consiglio direttivo della BCE (in aggiunta a quelle che fissano i tassi di interesse)

Marzo 2019

Politica monetaria

Ottemperanza delle banche centrali ai divieti concernenti il finanziamento monetario e l’accesso privilegiato

Il Trattato sul funzionamento dell’Unione europea assegna alla BCE il compito di verificare che le banche centrali degli Stati membri dell’UE rispettino i divieti enunciati agli articoli 123 e 124 e nei regolamenti connessi. Nell’assolvimento di questo compito, il 20 marzo il Consiglio direttivo ha approvato il rapporto sull’ottemperanza per il 2018. Maggiori informazioni al riguardo sono reperibili in una specifica sezione del Rapporto annuale 2018 della BCE, che sarà reso noto il 1° aprile nel sito Internet della BCE.

Comunicazione esterna

Modifica dell’acronimo dello euro short-term rate (€STR) e annuncio della data di introduzione

Il 12 marzo la BCE ha annunciato la decisione del Consiglio direttivo di modificare l’acronimo del tasso di interesse di riferimento su prestiti a breve termine denominati in euro da “Ester” a “€STR” con effetto immediato, specificando che si potrà dare inizio ai preparativi tecnici per l’utilizzo del tasso. Il 14 marzo la BCE ha comunicato che avrebbe pubblicato l’€STR per la prima volta il 2 ottobre 2019, con riferimento all’attività di negoziazione del 1° ottobre 2019. Ha inoltre dichiarato che avrebbe provveduto al calcolo una tantum del differenziale fra l’€STR e l’Eonia, in linea con la metodologia raccomandata dal gruppo di lavoro sui tassi di interesse privi di rischio sui prestiti denominati in euro. Si rimanda al comunicato stampa disponibile nel sito Internet della BCE.

Rapporto annuale 2018 della BCE

Il 15 marzo il Consiglio direttivo ha adottato il Rapporto annuale 2018 della BCE, che sarà presentato alla Commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo e reso disponibile nel sito Internet della BCE in 22 lingue ufficiali dell’Unione europea il 1° aprile prossimo.

Operazioni di mercato

Ammissione di un fornitore terzo di uno strumento di rating ai fini dell’ECAF

Il 28 febbraio il Consiglio direttivo ha accettato la richiesta di ammissione di CRIF Ratings S.r.l. quale fornitore terzo di uno strumento di rating ai fini del quadro di riferimento dell’Eurosistema per la valutazione della qualità creditizia (Eurosystem credit assessment framework, ECAF), sulla base del proprio esame della conformità dello strumento di rating ai criteri dell’ECAF. L’elenco aggiornato dei fornitori terzi di strumenti di rating è reperibile nel sito Internet della BCE.

Infrastrutture di mercato e pagamenti

SEPA Migration Impact Assessment

Il 22 febbraio il Consiglio direttivo ha preso atto del suddetto rapporto sulla valutazione di impatto della migrazione ai bonifici e agli addebiti diretti SEPA (Single Euro Payment Area, area unica dei pagamenti in euro) e ne ha approvato la divulgazione sul sito Internet della BCE.

Aggiornamento della documentazione sul modello di banche centrali corrispondenti

Il 15 febbraio il Consiglio direttivo ha approvato l’aggiornamento delle procedure del modello di banche centrali corrispondenti (correspondent central banking model, CCBM) per le controparti dell’Eurosistema (opuscolo sul CCBM) e la sua pubblicazione nel sito Internet della BCE, unitamente all’allegato tecnico anch’esso aggiornato CCBM information for counterparties – Summary of legal instruments used in the euro area. Questo aggiornamento annuale ha comportato solo lievi modifiche fattuali. I due documenti sono disponibili nel sito Internet della BCE.

Ritiro della raccomandazione della BCE di modifica dell’articolo 22 dello Statuto

Il 20 marzo il Consiglio direttivo ha deliberato di ritirare la Raccomandazione della BCE di decisione del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica l’articolo 22 dello Statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea. Si rimanda al comunicato stampa diffuso nel sito Internet della BCE.

Pareri su proposte di disposizioni legislative

Parere della BCE sulle ordinanze di reintegrazione nel possesso delle abitazioni private principali in Irlanda

Il 18 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2019/8, richiesto dal ministero irlandese della giustizia, della parità e delle riforme legislative.

Parere della BCE su un progetto di legge relativo alla tutela sulle abitazioni principali in Grecia

Il 27 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2019/9, formulato su richiesta del ministero delle finanze greco.

Parere della BCE relativo all’istituzione di un consiglio macroprudenziale in Spagna

Il 28 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2019/10, richiesto dal Banco de España per conto della Sottosegretaria di Stato per l’economia e il sostegno alle imprese.

Governance interna

Parere del Consiglio direttivo sulla raccomandazione del Consiglio relativa alla nomina di un membro del Comitato esecutivo della Banca centrale europea

Il 6 marzo il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2019/11 sulla raccomandazione del Consiglio relativa alla nomina di un membro del Comitato esecutivo della Banca centrale europea.

Presidenza del Comitato per lo sviluppo organizzativo

Il 6 marzo il Consiglio direttivo ha designato Michael Diemer, Responsabile generale dei servizi della BCE, alla presidenza del Comitato per lo sviluppo organizzativo, con effetto dal 15 marzo 2019.

Vigilanza bancaria

Sanzione della BCE per violazione dei limiti delle grandi esposizioni

Il 15 febbraio il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di comminare una sanzione pecuniaria amministrativa a Sberbank Europe AG per violazione dei limiti delle grandi esposizioni nel 2015. Maggiori informazioni sono consultabili in un comunicato stampa divulgato nel sito Internet della BCE dedicato alla vigilanza bancaria.

Decisione della BCE sulla significatività di un ente creditizio vigilato

Il 1° marzo il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di modificare la classificazione della significatività di AS PNB Banka, a seguito della richiesta dell’autorità di vigilanza lettone. Un comunicato stampa in merito è stato diffuso successivamente nel sito Internet della BCE dedicato alla vigilanza bancaria.

Rapporto annuale della BCE sulle attività di vigilanza 2018

L’8 marzo il Consiglio direttivo ha adottato il Rapporto annuale della BCE sulle attività di vigilanza 2018, elaborato ai sensi dell’articolo 20 del Regolamento (UE) n. 1024/2013 (regolamento sull’MVU), e ne ha autorizzato la pubblicazione e la trasmissione al Parlamento europeo, al Consiglio, alla Commissione europea, all’Eurogruppo e ai parlamenti nazionali degli Stati membri partecipanti. Il rapporto è stato divulgato giovedì 21 marzo nel sito Internet della BCE dedicato alla vigilanza bancaria, dopo la presentazione del Presidente del Consiglio di vigilanza al Parlamento europeo nella stessa data.

Contatti per i media