Decisioni assunte dal Consiglio direttivo della BCE (in aggiunta a quelle che fissano i tassi di interesse)

Maggio 2016

EMBARGO

DIVIETO DI DIFFUSIONE fino alle ore 15.00 (ora dell’Europa centrale) di venerdì 20 maggio 2016

Operazioni di mercato

Decisioni concernenti l’attuazione della seconda serie di operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine

Il 28 aprile il Consiglio direttivo ha adottato la Decisione BCE/2016/10 su una seconda serie di operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine e la Decisione BCE/2016/11 che modifica la Decisione BCE/2014/34 relativa a misure sulle operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine. La Decisione BCE/2016/10 istituisce il quadro giuridico per la seconda serie di operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (OMRLT), che il Consiglio direttivo ha deciso di varare il 10 marzo scorso. La Decisione BCE/2016/11 modifica la Decisione BCE/2014/34, per consentire alle istituzioni finanziarie di rimborsare a giugno 2016 gli importi ricevuti nel quadro della prima serie di ORMLT e di assumere finanziamenti tramite la seconda serie. Entrambe le decisioni sono disponibili nel sito Internet della BCE.

Stabilità e vigilanza nel settore finanziario

Financial Stability Review (maggio 2016)

Il 18 maggio il Consiglio direttivo ha autorizzato la pubblicazione dell’edizione di maggio 2016 del suddetto rapporto sulla stabilità finanziaria. Il documento passa in rassegna le principali fonti di rischio e vulnerabilità in termini di stabilità del sistema finanziario dell’area dell’euro e presenta un’analisi esaustiva della capacità di quest’ultimo di assorbire gli shock. Il rapporto sarà diffuso il 24 maggio sul sito Internet della BCE.

Sistema dei pagamenti e infrastrutture di mercato

Target Annual Report 2015

L’11 maggio il Consiglio direttivo ha preso atto del rapporto annuale su Target per il 2015, che è stato quindi pubblicato nel sito Internet della BCE. Il documento contiene informazioni sul traffico dei pagamenti in Target2, sulla sua operatività e sui principali sviluppi registrati nel corso del 2015. L’edizione di quest’anno presenta indicatori quantitativi a livello aggregato, accrescendo il grado di trasparenza riguardo alla performance del sistema finanziario.

Pareri su proposte di disposizioni legislative

Parere della BCE relativo a una proposta di Regolamento che modifica il Regolamento (UE) n. 600/2014 sui mercati degli strumenti finanziari, il Regolamento (UE) n. 596/2014 relativo agli abusi di mercato e il Regolamento (UE) n. 909/2014 relativo al miglioramento del regolamento titoli nell’Unione europea e ai depositari centrali di titoli, per quanto riguarda talune date e a una proposta di Direttiva che modifica la Direttiva 2014/65/UE relativa ai mercati degli strumenti finanziari per quanto riguarda talune date

Il 29 aprile il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2016/27, richiesto dal Consiglio dell’Unione europea.

Parere della BCE relativo alla risoluzione e alla liquidazione delle banche in Slovenia

Il 3 maggio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2016/28, formulato su richiesta del ministero delle finanze sloveno.

Statistiche

Regolamento relativo alla raccolta di dati granulari sul credito e sul rischio di credito

Il 18 maggio il Consiglio direttivo ha adottato il Regolamento BCE/2016/13 sulla raccolta di dati granulari sul credito e sul rischio di credito e la Decisione BCE/2016/14 che modifica la Decisione BCE/2014/6 relativa all’organizzazione delle misure preparatorie per la raccolta di dati granulari sul credito da parte del Sistema europeo di banche centrali. Il Consiglio direttivo ha inoltre approvato la pubblicazione nel sito Internet della BCE di un documento che riflette i commenti ricevuti su una precedente bozza del regolamento.

Cooperazione in ambito europeo e internazionale

Rapporto sul ruolo internazionale dell’euro (quindicesima edizione annuale)

Il 12 maggio il Consiglio direttivo ha approvato la quindicesima edizione annuale del rapporto sul ruolo internazionale dell’euro e ne ha autorizzato la pubblicazione nel sito Internet della BCE. L’edizione di quest’anno è un rapporto intermedio che presenta, rispetto ai rapporti precedenti, un quadro più coinciso degli sviluppi nell’utilizzo dell’euro da parte dei non residenti nell’area dell’euro, fornendo al tempo stesso informazioni statistiche aggiornate sui principali indicatori dello status internazionale dell’euro di interesse per il pubblico in generale. Poiché gli sviluppi in questo ambito non sono necessariamente rapidi, a partire dall’anno in corso saranno predisposte relazioni complete con cadenza biennale, inframmezzate con rapporti intermedi più brevi.

Banconote

Fine della produzione e dell’emissione della banconota da €500

Il 4 maggio il Consiglio direttivo ha deciso di porre fine in via permanente alla produzione della banconota da €500 e di escludere questo taglio dalla serie “Europa”. Ha inoltre stabilito che l’emissione del biglietto da €500 terminerà intorno alla fine del 2018; in tale periodo si prevede l’introduzione delle banconote da €100 e €200 della serie “Europa”. Saranno mantenuti gli altri tagli, da €5 a €200. Infine il Consiglio direttivo ha confermato che il biglietto da €500 continuerà ad avere corso legale e potrà quindi essere ancora utilizzato come mezzo di pagamento e riserva di valore. Un comunicato stampa al riguardo è stato pubblicato nella stessa data sul sito Internet della BCE.

Procedure di accreditamento per i fabbricanti degli elementi di sicurezza dell’euro e degli elementi dell’euro

Il 6 maggio il Consiglio direttivo ha adottato la Decisione BCE/2016/12 che modifica la Decisione BCE/2013/54 sulle procedure di accreditamento dei fabbricanti degli elementi di sicurezza dell’euro e degli elementi dell’euro. Il nuovo atto giuridico consolida il quadro delle condizioni previste per l’imposizione di sanzioni appropriate e proporzionate, comprese sanzioni pecuniarie, nei confronti dei fabbricanti delle banconote in euro e dei relativi elementi in caso di inosservanza degli obblighi vigenti, in modo da ricomprendere tutti gli scenari che potrebbero richiedere l’irrogazione di sanzioni pecuniarie ai sensi dell’articolo 20 della Decisione BCE/2013/54. L’atto è consultabile nel sito Internet della BCE.

Vigilanza bancaria

Decisione della BCE concernente la valutazione approfondita 2016

Il 3 maggio il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni a un progetto di decisione completo proposto dal Consiglio di vigilanza riguardo alla conduzione di una valutazione approfondita sui quattro enti creditizi di seguito citati, che sarà svolta nel 2016: Abanka d.d. (Slovenia), Akciju sabiedrība “Rietumu Banka” (Lettonia), Banca Mediolanum S.p.A. (Italia) e Citibank Europe plc (Irlanda). Un comunicato stampa al riguardo è stato pubblicato nel sito Internet della BCE.

Contatti per i media