Decisioni assunte dal Consiglio direttivo della BCE (in aggiunta a quelle che fissano i tassi di interesse)

Gennaio 2016

EMBARGO

DIVIETO DI DIFFUSIONE fino alle ore 15.00 (ora dell’Europa centrale) di venerdì 22 gennaio 2016

Operazioni di mercato

Verifica annuale dei mercati non regolamentati ammissibili e degli emittenti classificati come agenzie nella seconda categoria di scarti di garanzia

Il 18 dicembre il Consiglio direttivo ha riesaminato l’elenco dei mercati non regolamentati ammissibili per le attività stanziabili a garanzia nelle operazioni di politica monetaria dell’Eurosistema. Ha quindi deciso di accettare Alternext Lisbon e Alternext Paris quali mercati non regolamentati ammissibili. L’elenco aggiornato di tali mercati è pubblicato nel sito Internet della BCE. Il Consiglio direttivo ha inoltre riesaminato l’elenco degli emittenti classificati come agenzie nella seconda categoria di scarti di garanzia. Ha pertanto deciso di annoverare nell’elenco Bpifrance Financement SA e Agence Française de Développement e di rimuovere Société de financement de l’économie française (SFEF). L’elenco aggiornato di tali emittenti è consultabile nel sito Internet della BCE.

Ulteriore precisazione dei criteri di accettazione applicabili alle agenzie di rating del credito

Il 30 dicembre il Consiglio direttivo ha deciso di chiarire i criteri in base ai quali le agenzie esterne di valutazione del merito di credito (external credit assessment institutions, ECAl) sono accettate ai fini del quadro di riferimento per la valutazione della qualità creditizia dell’Eurosistema (Eurosystem Credit Assessment Framework, ECAF). Il Consiglio direttivo ha deciso di pubblicare requisiti minimi di copertura in termini di attività valutate, emittenti valutati e volume valutato con una ripartizione fra diverse classi di attività idonee come garanzia nelle operazioni di politica monetaria e fra paesi dell’area dell’euro. I requisiti, esposti in maniera approfondita nel sito Internet della BCE, saranno integrati in un imminente aggiornamento dell’Indirizzo BCE/2014/60 sull’attuazione del quadro di riferimento della politica monetaria dell’Eurosistema.

Contributo della BCE alla consultazione pubblica della Commissione europea sulle obbligazioni garantite nell’Unione europea

Il 18 gennaio il Consiglio direttivo ha approvato la risposta della BCE alla consultazione pubblica della Commissione europea sulle obbligazioni garantite nell’Unione europea, in particolare su come conseguire una maggiore integrazione del mercato europeo di tali strumenti. La risposta sarà pubblicata a breve nel sito Internet della BCE.

Pareri su proposte di disposizioni legislative

Parere della BCE relativo all’estinzione di debiti assistiti da garanzia ipotecaria mediante il trasferimento della proprietà di beni immobili in Romania

Il 18 dicembre il Consiglio direttivo ha adottato su iniziativa propria il Parere CON/2015/56.

Parere della BCE relativo ad alcune modifiche al quadro istituzionale della Banka Slovenije

Il 18 dicembre il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2015/57, formulato su richiesta del Presidente dell’assemblea nazionale della Repubblica di Slovenia.

Parere della BCE relativo alle segnalazioni in materia di bilancia dei pagamenti e di prestazione transfrontaliera di servizi in Austria

Il 23 dicembre il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2015/58, richiesto dalla Oesterreichische Nationalbank.

Parere della BCE relativo a un’imposta per talune istituzioni finanziarie in Polonia

Il 12 gennaio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2016/1, formulato su richiesta del parlamento polacco.

Parere della BCE relativo alla vigilanza sulle attività dei soggetti che operano con il contante e all’irrogazione di sanzioni e misure amministrative in Lituania

Il 20 gennaio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2016/2, richiesto ministero delle finanze lituano.

Parere della BCE relativo al sistema di garanzia dei depositi in Grecia

Il 21 gennaio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2016/3, formulato su richiesta del ministro delle finanze della Repubblica ellenica.

Statistiche

Decisione della BCE relativa all’inosservanza degli obblighi di segnalazione statistica

Il 18 dicembre il Consiglio direttivo ha adottato la Decisione BCE/2015/50 che modifica la Decisione BCE/2010/10 relativa all’inosservanza degli obblighi di segnalazione statistica al fine di allineare la Decisione BCE/2010/10 agli emendamenti apportati ai regolamenti BCE/2013/33 e BCE/2013/34, nonché riflettere nella Decisione BCE/2010/10 i requisiti di segnalazione stabiliti nei regolamenti BCE/2013/38, BCE/2013/40 e BCE/2013/39. La Decisione BCE/2015/50 sarà pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea e nel sito Internet della BCE.

Governance interna

Decisione della BCE sul quadro per l’appalto congiunto dell’Eurosistema

Il 23 dicembre il Consiglio direttivo ha adottato la Decisione BCE/2015/51 che modifica la Decisione BCE/2008/17 che definisce il quadro per l’appalto congiunto dell’Eurosistema. La decisione estende la possibilità di partecipare alle procedure di appalto gestite dall’Ufficio di coordinamento degli acquisti dell’Eurosistema (Eurosystem Procurement Coordination Office, EPCO) a soggetti diversi dalle banche centrali del SEBC. Su invito del Consiglio direttivo (1) le autorità nazionali degli Stati membri, (2) le istituzioni e gli organismi dell’Unione e (3) le organizzazioni internazionali potranno inoltre prendere parte alle procedure dell’EPCO, a condizioni analoghe e per il soddisfacimento di esigenze comuni a quelle delle banche centrali. In aggiunta, l’atto giuridico modificato dà attuazione all’introduzione del concetto di dotazione finanziaria, che rende più efficienti le procedure di bilancio. La decisione è stata pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea ed è altresì consultabile nel sito Internet della BCE.

Vigilanza bancaria

Priorità del Meccanismo di vigilanza unico per il 2016

Il 22 dicembre il Consiglio direttivo ha approvato la pubblicazione delle priorità dell’MVU per il 2016, sulle quali sarà improntata l’attività di vigilanza bancaria della BCE per i prossimi dodici mesi.

Contatti per i media