Stabilità finanziaria e politica macroprudenziale

Financial stability

La BCE tiene sotto osservazione gli andamenti nei settori bancari dell’area dell’euro e dell’insieme dell’UE, nonché in altri comparti finanziari, allo scopo di individuare qualsiasi elemento di vulnerabilità e di verificare la capacità di tenuta del sistema.

Per assolvere tali compiti si avvale della collaborazione delle altre banche centrali dell’Eurosistema e del Sistema europeo di banche centrali.

Quando nel sistema finanziario emergono potenziali rischi sistemici si interviene attraverso politiche macroprudenziali. Queste si pongono come principale obiettivo la salvaguardia della stabilità finanziaria.

Definizione di stabilità finanziaria

La stabilità finanziaria è la condizione che si realizza se si impedisce l’accumularsi di rischi a livello sistemico.

Il rischio sistemico può essere descritto come il rischio che l’offerta di prodotti e servizi finanziari indispensabili, da parte del sistema finanziario, sia compromessa al punto da generare conseguenze rilevanti per la crescita economica e il benessere.

Financial Stability Review

Finalità delle politiche macroprudenziali

  • Impediscono l’eccessivo accumulo di rischi, riconducibili a fattori esterni oppure a carenze di mercato, al fine di mitigare le variazioni del ciclo finanziario (dimensione temporale).
  • Rafforzano la capacità di tenuta del settore finanziario e limitano gli effetti di contagio (dimensione trasversale).
  • Favoriscono una prospettiva sistemica nella regolamentazione finanziaria per trasmettere la giusta combinazione di incentivi agli operatori di mercato (dimensione strutturale).