Decisioni assunte dal Consiglio direttivo della BCE (in aggiunta a quelle che fissano i tassi di interesse)

febbraio 2018

Operazioni di mercato

Aggiornamento dell’elenco dei cambi di riferimento della BCE

Il 26 gennaio il Consiglio direttivo ha deciso di includere nuovamente la corona islandese nell’elenco delle valute per cui la BCE pubblica giornalmente i cambi di riferimento con l’euro. La pubblicazione delle informazioni relative a questa valuta è stata sospesa nel dicembre 2008 in mancanza di un tasso di cambio attendibile determinato dal mercato a seguito dell’introduzione di controlli sui capitali da parte delle autorità islandesi. La revoca di tali controlli nel marzo 2017 e il ripristino di un tasso di cambio attendibile determinato dal mercato hanno giustificato il reinserimento nell’elenco della corona islandese, con effetto a partire dal 1° febbraio 2018. I cambi di riferimento sono determinati mediante una regolare procedura di concertazione fra banche centrali in Europa, svolta in genere alle ore 14.15 (ora dell’Europa centrale) di ogni giornata lavorativa, e sono aggiornati di norma quotidianamente verso le ore 16.00 (ora dell’Europa centrale).

Riesame annuale degli elenchi dei mercati non regolamentati ammissibili, degli emittenti classificati come banche multilaterali di sviluppo od organizzazioni internazionali e degli emittenti classificati come agenzie nella seconda categoria di scarti di garanzia

Il 26 gennaio il Consiglio direttivo ha riesaminato 1) l’elenco dei mercati non regolamentati ammissibili per le attività stanziabili in garanzia nelle operazioni di politica monetaria dell’Eurosistema, 2) l’elenco degli emittenti classificati come banche multilaterali di sviluppo e organizzazioni internazionali e 3) l’elenco degli emittenti classificati come agenzie nella seconda categoria di scarti di garanzia. I primi due elenchi sono rimasti invariati. Nel terzo elenco (emittenti classificati come agenzie nella seconda categoria di scarti di garanzia) sono state inserite Caisse des Dépôts et Consignations e Nederlandse Waterschapsbank, mentre è stata rimossa la Cassa Depositi e Prestiti poiché non soddisfa più alcune delle soglie quantitative fissate dalla BCE per l’assegnazione dei titoli emessi da talune agenzie nella seconda categoria. Gli elenchi, aggiornati di conseguenza il 1° febbraio, sono stati pubblicati nel sito Internet della BCE.

Modifiche al quadro giuridico per l’attuazione della politica monetaria dell’Eurosistema

Il 7 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato tre indirizzi (BCE/2018/3, BCE/2018/4 e BCE/2018/5) che modificano, rispettivamente, l’Indirizzo BCE/2014/60 sull’attuazione del quadro di riferimento della politica monetaria dell’Eurosistema, l’Indirizzo BCE/2015/35 sugli scarti di garanzia applicati nell’attuazione del quadro di riferimento della politica monetaria dell’Eurosistema e l’Indirizzo BCE/2014/31 relativo a misure temporanee supplementari sulle operazioni di rifinanziamento dell’Eurosistema e sull’idoneità delle garanzie. Informazioni dettagliate riguardo alle modifiche introdotte da questi atti sono contenute nel comunicato stampa pubblicato nel sito Internet della BCE.

Estensione degli schemi di crediti aggiuntivi

Il 9 febbraio il Consiglio direttivo ha approvato l’estensione degli schemi di crediti aggiuntivi nel loro attuale formato fino alla data di scadenza dell’operazione mirata di rifinanziamento a più lungo termine della seconda serie di OMRLT (OMRLT-II), programmata per il 24 marzo 2021. Gli schemi di crediti aggiuntivi sono stati introdotti nel 2011 per consentire alle banche centrali nazionali (BCN) dell’Eurosistema di accettare in garanzia alcuni crediti non conformi alle regole di idoneità e/o ai requisiti di qualità creditizia stabiliti nell’Indirizzo BCE/2014/60 sull’attuazione del quadro di riferimento della politica monetaria dell’Eurosistema. L’accettazione degli schemi delle BCN è soggetta all’approvazione del Consiglio direttivo e alla condizione che le perdite derivanti dall’accettazione di crediti aggiuntivi siano sostenute esclusivamente dalla BCN che li accetta. Ulteriori informazioni sugli schemi di crediti aggiuntivi sono reperibili nel sito Internet della BCE.

Infrastrutture di mercato e pagamenti

Istituzione di un Comitato delle infrastrutture finanziarie paneuropee per la resilienza dell’euro agli attacchi informatici

Il 26 gennaio il Consiglio direttivo ha approvato l’istituzione di un Comitato delle infrastrutture finanziarie paneuropee per la resilienza dell’euro agli attacchi informatici (Euro Cyber Resilience Board, ECRB), con l’obiettivo di rafforzare la capacità di tenuta delle infrastrutture dei mercati finanziari e dei loro principali fornitori di servizi, nonché del settore finanziario dell’UE in generale. L’ECRB, presieduto da un membro del Comitato esecutivo della BCE, sarà composto da rappresentanti delle infrastrutture paneuropee dei mercati finanziari e dei loro principali fornitori di servizi, dalle maggiori autorità di sorveglianza dell’Eurosistema sulle infrastrutture finanziarie paneuropee (ossia sette BCN e la BCE) e da tre BCN del Sistema europeo di banche centrali (SEBC), a rotazione. Saranno invitati in veste di osservatori la Commissione europea, l’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione, l’Autorità bancaria europea, il Meccanismo di vigilanza unico, l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati, l’Europol e la Direzione Generale Sistemi informatici della BCE. Maggiori informazioni al riguardo saranno rese disponibili nel sito Internet della BCE.

Idoneità di nuovi collegamenti mediati tra sistemi di regolamento delle operazioni in titoli

Il 1° febbraio il Consiglio direttivo ha approvato l’idoneità ai fini delle operazioni di finanziamento dell’Eurosistema di nove nuovi collegamenti mediati di Clearstream Banking AG Frankfurt CBF-CREATION, Clearstream Banking S.A. Luxembourg (CBL) e LuxCSD con Euroclear France, Euroclear Nederland e Monte Titoli attraverso CBF-system e anche attraverso CBL per i collegamenti da CBF-CREATION. L’elenco dei collegamenti idonei, consultabile nel sito Internet della BCE, sarà aggiornato quando i nuovi collegamenti mediati saranno operativi.

Pareri su proposte di disposizioni legislative

Parere della BCE relativo all’organizzazione del registro centralizzato dei conti bancari e delle operazioni finanziarie in Belgio

Il 26 gennaio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2018/4, richiesto dal ministero delle finanze belga.

Parere della BCE relativo ai documenti contenenti le informazioni chiave per i prodotti d’investimento al dettaglio e assicurativi preassemblati in Slovenia

Il 31 gennaio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2018/5, formulato su richiesta del ministero delle finanze sloveno.

Parere della BCE sulle fonti di finanziamento e sulla governance dell’autorità maltese per i servizi finanziari

Il 6 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2018/6, richiesto dalla Bank Ċentrali ta’ Malta/Central Bank of Malta.

Parere della BCE relativo al ricorso degli enti creditizi ai finanziamenti derivanti da società finanziarie in Ungheria

Il 6 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2018/7, richiesto dalla Magyar Nemzeti Bank.

Parere della BCE relativo al rientro di fondi nella Repubblica di Slovenia da determinati paradisi fiscali

Il 14 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2018/8, formulato su richiesta dell’assemblea nazionale della Repubblica di Slovenia.

Parere della BCE relativo a strumenti macroprudenziali aggiuntivi per i mutui ipotecari su immobili residenziali in Lussemburgo

Il 19 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2018/9, richiesto dal ministero delle finanze lussemburghese.

Parere della BCE sul conferimento di nuovi compiti relativi alle commissioni interbancarie sulle operazioni di pagamento basate su carta alla Central Bank of Cyprus

Il 14 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2018/10, su richiesta del ministero delle finanze della Repubblica di Cipro.

Parere della BCE sul conferimento di nuovi compiti relativi alle commissioni interbancarie sulle operazioni di pagamento basate su carta alla Bank of Greece

Il 15 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2018/11, richiesto dal ministero delle finanze greco.

Governance interna

Raccomandazione della BCE al Consiglio dell’Unione europea sui revisori esterni della Oesterreichische Nationalbank

Il 26 gennaio il Consiglio direttivo ha adottato la Raccomandazione BCE/2018/1 al Consiglio dell’Unione europea sui revisori esterni della Oesterreichische Nationalbank. L’atto è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea e nel sito Internet della BCE.

Bilancio della BCE per l’esercizio 2017

Il 21 febbraio il Consiglio direttivo ha approvato il bilancio della BCE, sottoposto a revisione, per l’esercizio finanziario 2017. Il documento, unitamente al relativo comunicato stampa, è stato diffuso il 22 febbraio nel sito Internet della BCE. La relazione sulla gestione per l’esercizio 2017 è stata pubblicata in quanto parte integrante del bilancio della BCE.

Statistiche

Regolamento della BCE sugli obblighi di segnalazione statistica dei fondi pensione

Il 26 gennaio il Consiglio direttivo ha adottato il Regolamento BCE/2018/2 sugli obblighi di segnalazione statistica dei fondi pensione. L’atto è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea e nel sito Internet della BCE in seguito a una consultazione pubblica, a un articolato processo di consultazione delle parti interessate e ad accordi con altre istituzioni, fra cui l’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali (European Insurance and Occupational Pensions Authority, EIOPA), volti a ridurre al minimo l’onere di segnalazione per il settore.

Dialogo su questioni statistiche fra il Comitato per le statistiche dell’Eurosistema/SEBC e il settore bancario

Il 31 gennaio il Consiglio direttivo ha approvato l’istituzione di riunioni annuali per favorire lo scambio di idee su temi statistici fra i membri del Comitato per le statistiche dell’Eurosistema/SEBC (STC) e i rappresentanti del settore bancario. Dato che i progetti volti a sviluppare o rafforzare le statistiche del SEBC si protraggono nel medio termine e hanno un impatto significativo sugli operatori del settore finanziario soggetti a obblighi di segnalazione, ci si attende che tali riunioni consentano un regolare scambio di informazioni sulle iniziative in corso e sulle relative motivazioni a livello delle politiche, contribuendo ad assicurare un’interazione più positiva con le banche segnalanti. La prima riunione è prevista per marzo 2018. Maggiori informazioni sulle riunioni saranno reperibili nel sito Internet della BCE.

Vigilanza bancaria

Svolgimento della prova di stress 2018 a livello di UE con l’Autorità bancaria europea (ABE)

Il 31 gennaio la BCE ha annunciato che 37 banche dell’area dell’euro, pari al 70% delle attività bancarie totali dell’area, saranno sottoposte ad analisi nell’ambito della prova di stress 2018 a livello di UE condotta con l’ABE. La prova si svolgerà in base alla metodologia, ai modelli e agli scenari dell’ABE e la pubblicazione dei risultati delle singole banche dovrebbe avvenire entro il 2 novembre 2018. Si rimanda al comunicato stampa disponibile nel sito Internet della BCE dedicato alla vigilanza bancaria.

Conformità agli Orientamenti dell’ABE sugli obblighi di informativa in relazione alle disposizioni transitorie nel quadro dell’IFRS 9

Il 7 febbraio il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di comunicare all’ABE che, per gli enti significativi soggetti alla sua vigilanza diretta, la BCE intende conformarsi agli Orientamenti dell’ABE sull’uniformità dell’informativa ai sensi dell’articolo 473a del Regolamento (UE) n. 575/2013 (Capital Requirements Regulation, CRR) per quanto riguarda le disposizioni transitorie per attenuare l’impatto dell’introduzione dell’IFRS 9 sui fondi propri (ABE/GL/2018/01). Questi orientamenti, da applicarsi a partire dal 20 marzo, seguono gli obblighi di informativa proposti dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria per tenere conto dell’impatto che le disposizioni transitorie nell’ambito dell’IFRS 9 esercitano sul coefficiente patrimoniale e sul coefficiente di leva finanziaria, al fine di attuare gli obblighi di informativa di cui al CRR in modo coerente agli standard internazionali.

Guida alla valutazione delle domande di autorizzazione all’esercizio dell’attività bancaria e Guida alla valutazione delle domande di autorizzazione all’esercizio dell’attività bancaria degli enti creditizi fintech

L’8 febbraio il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di pubblicare la Guida alla valutazione delle domande di autorizzazione all’esercizio dell’attività bancaria e la Guida alla valutazione delle domande di autorizzazione all’esercizio dell’attività bancaria degli enti creditizi fintech, comprensive delle modifiche apportate a seguito di una consultazione pubblica. I due atti, unitamente al resoconto (feedback statement) sulla consultazione, saranno reperibili a breve nel sito Internet della BCE dedicato alla vigilanza bancaria.

Decisione di imporre una moratoria ad ABLV Bank

Il 19 febbraio il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di imporre una moratoria ad ABLV Bank in base alla quale, temporaneamente e fino a nuova comunicazione, si vieta alla banca di effettuare pagamenti sulle proprie passività finanziarie. Si rimanda al comunicato stampa pubblicato nel sito Internet della BCE dedicato alla vigilanza bancaria.

Contatti per i media