Menu

Decisioni assunte dal Consiglio direttivo della BCE (in aggiunta a quelle che fissano i tassi di interesse)

Dicembre 2015

EMBARGO

DIVIETO DI DIFFUSIONE fino alle ore 15.00 (ora dell’Europa centrale) di venerdì 18 dicembre 2015

Politica monetaria

Misure non convenzionali di politica monetaria

Il 3 dicembre il Consiglio direttivo ha deciso una serie di misure in base alla propria valutazione dell’adeguatezza dell’orientamento di politica monetaria della BCE. In primo luogo, il Consiglio direttivo ha deciso di estendere il programma di acquisto di attività (PAA) e di condurre acquisti mensili per 60 miliardi di euro sino alla fine di marzo 2017, o anche oltre se necessario. In secondo luogo, ha deciso di reinvestire il capitale rimborsato sui titoli acquistati nell’ambito del PAA quando giungeranno a scadenza, finché vi sarà l’esigenza. In terzo luogo, relativamente al programma di acquisto di attività del settore pubblico, ha deciso di includere gli strumenti di debito negoziabili denominati in euro emessi dalle amministrazioni regionali e locali situate nell’area dell’euro nell’elenco delle attività ammissibili per gli acquisti regolari da parte delle rispettive banche centrali nazionali. Infine, il Consiglio direttivo ha deciso di continuare a condurre le operazioni di rifinanziamento principali e le operazioni di rifinanziamento a più lungo termine con scadenza a tre mesi mediante aste a tasso fisso con piena aggiudicazione degli importi richiesti, finché necessario e almeno sino al termine dell’ultimo periodo di mantenimento delle riserve del 2017. Maggiori dettagli sono stati forniti nella stessa data nel contesto della dichiarazione introduttiva e della conferenza stampa. Il relativo atto giuridico, la Decisione BCE/2015/48 che modifica la Decisione (UE) 2015/774 su un programma di acquisto di attività del settore pubblico sui mercati secondari, è stato adottato il 16 dicembre.

Operazioni di mercato

Calendari relativi alle operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine per il 2016

Il 30 novembre il Consiglio direttivo ha approvato il calendario indicativo delle operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (OMRLT) per il 2016, unitamente alle date indicative per il rimborso anticipato degli importi su base volontaria. A partire da 24 mesi dopo ciascuna OMRLT le controparti hanno l’opzione di rimborsare una qualsiasi parte degli importi ricevuti nel quadro di tale operazione; i primi rimborsi potrebbero avere luogo a settembre 2016. Entrambi i calendari sono disponibili nel sito Internet della BCE.

Modifiche concernenti i tassi di cambio di riferimento dell’euro

Il 4 dicembre il Consiglio direttivo ha approvato un nuovo orario di pubblicazione dei tassi di cambio di riferimento dell’euro, che a partire dal 1° luglio 2016 saranno quindi diffusi giornalmente intorno alle ore 16.00 (ora dell’Europa centrale), anziché intorno alle ore 14.30 (ora dell’Europa centrale). Il relativo comunicato stampa è reperibile nel sito Internet della BCE, unitamente a informazioni dettagliate al riguardo.

Sistema dei pagamenti e infrastrutture di mercato

Nomina dei membri del Comitato per T2S

Il 19 novembre il Consiglio direttivo ha deciso di nominare in qualità di membri del Comitato per T2S (Target2-Securities) Johannes Luef, che subentrerà a Paul Bodart in quanto membro non proveniente da banca centrale, e Karsten Biltoft, che subentrerà a Kristian Kjeldsen in quanto membro di banca centrale non appartenente all’area dell’euro. Le due nomine, ciascuna per un mandato di due anni, avranno effetto a partire dal 1° gennaio 2016.

Pareri su proposte di disposizioni legislative

Parere della BCE relativo al risanamento e alla risoluzione degli enti creditizi e delle imprese di investimento e ai sistemi di garanzia dei depositi e di indennizzo in Lussemburgo

Il 20 novembre il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2015/48, richiesto dal ministero delle finanze lussemburghese.

Parere della BCE relativo alla sorveglianza sul regolare funzionamento della circolazione dei pagamenti (‘betalingsverkeer’) nei Paesi Bassi

Il 20 novembre il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2015/49, richiesto da De Nederlandsche Bank.

Parere della BCE relativo alla protezione contro la falsificazione e alla salvaguardia della qualità del contante in circolazione in Belgio

Il 20 novembre il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2015/50, richiesto dal governatore della Nationale Bank van België / Banque Nationale de Belgique (NBB) per conto del ministro delle finanze.

Parere della BCE relativo alla produzione di banconote in euro in Portogallo

Il 23 novembre il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2015/51, formulato su richiesta del ministero delle finanze portoghese.

Parere della BCE relativo al sistema di garanzia dei depositi nei Paesi Bassi

Il 26 novembre il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2015/52, formulato su richiesta del ministro delle finanze dei Paesi Bassi.

Parere della BCE relativo al quadro normativo degli istituti di credito edilizio in Germania

Il 2 dicembre il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2015/53, richiesto dal ministero federale tedesco delle finanze.

Parere sul credito al consumo nella Repubblica Ceca

Il 9 dicembre il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2015/54, richiesto dal ministro delle finanze della Repubblica Ceca.

Parere della BCE relativo ad un’imposta di bollo sui prelievi di contante dai distributori automatici di banconote in Irlanda

Il 10 dicembre il Consiglio direttivo ha adottato su iniziativa propria il Parere CON/2015/55.

Statistiche

Indirizzi della BCE concernenti le statistiche esterne e i conti finanziari trimestrali

Il 26 novembre il Consiglio direttivo ha adottato l’Indirizzo BCE/2015/39 che modifica l’Indirizzo BCE/2011/23 sugli obblighi di segnalazione statistica della Banca centrale europea nel settore delle statistiche esterne e l’Indirizzo BCE/2015/40 che modifica l’Indirizzo BCE/2013/24 relativo agli obblighi di segnalazione statistica della Banca centrale europea nel settore dei conti finanziari trimestrali. Questi indirizzi allineano il periodo di tempo previsto per le trasmissioni trimestrali delle statistiche esterne e dei dati sui conti finanziari con il nuovo calendario in base al quale le riunioni di politica monetaria del Consiglio direttivo si tengono con una cadenza di sei settimane. I due atti sono disponibili nel sito Internet della BCE.

Indirizzo della BCE sulle statistiche monetarie e finanziarie

Il 4 dicembre il Consiglio direttivo ha adottato l’Indirizzo BCE/2015/44 che modifica l’Indirizzo BCE/2014/15 relativo alle statistiche monetarie e finanziarie. Il nuovo indirizzo stabilisce il quadro di riferimento per la compilazione delle statistiche monetarie e finanziarie da parte della BCE e si applica anche alle imprese di assicurazione, che a partire dal periodo di riferimento del primo trimestre 2016 saranno soggette agli obblighi di segnalazione statistica. L’atto è consultabile nel sito Internet della BCE.

Banconote e monete

Atti giuridici concernenti l’emissione di monete

Il 4 dicembre il Consiglio direttivo ha adottato la Decisione BCE/2015/41, che modifica la Decisione BCE/2014/53 relativa all’approvazione del volume di conio delle monete metalliche nel 2015, la Decisione BCE/2015/42 relativa all’approvazione del volume di conio delle monete metalliche nel 2016 e la Decisione BCE/2015/43 sul quadro procedurale relativo all’approvazione del volume di emissione delle monete metalliche in euro. Questi atti giuridici sono reperibili nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea e nel sito Internet della BCE.

Governance interna

Decisione della BCE relativa alla distribuzione del reddito monetario

Il 19 novembre il Consiglio direttivo ha adottato la Decisione BCE/2015/37, che modifica la Decisione BCE/2010/23 relativa alla distribuzione del reddito monetario delle banche centrali nazionali degli Stati membri la cui moneta è l’euro. L’atto, che dà attuazione giuridica alle decisioni sul reddito monetario assunte a gennaio e luglio 2015 dal Consiglio direttivo in relazione al programma di acquisto di attività del settore pubblico, è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea ed è consultabile nel sito Internet della BCE.

Modifica delle condizioni di impiego del personale della BCE

Il 9 dicembre il Consiglio direttivo ha modificato le condizioni di impiego del personale della Banca centrale europea e quelle relative al personale a breve termine per quanto riguarda i sussidi di disoccupazione e altri aspetti. Le modifiche sono intese a rafforzare il quadro di sicurezza sociale della BCE fornendo copertura, definita prendendo come riferimento le prassi vigenti negli Stati membri dell’UE, al personale che non ne beneficia nell’ambito di alcuno Stato membro. Le nuove condizioni sono consultabili nel sito Internet della BCE (cfr. Conditions of Employment for Staff of the European Central Bank e Conditions of Short-Term Employment).

Raccomandazione della BCE al Consiglio dell’Unione europea sui revisori esterni della Národná banka Slovenska

Il 10 giugno il Consiglio direttivo ha adottato la Raccomandazione BCE/2015/45 al Consiglio dell’Unione europea sui revisori esterni della Národná banka Slovenska. La raccomandazione sarà pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea ed è già disponibile sul sito Internet della BCE.

Vigilanza bancaria

Decisione della BCE sulla procedura di esclusione dei membri del personale dalla presunzione di avere un impatto sostanziale sul profilo di rischio di un ente creditizio vigilato

Il 20 novembre il Consiglio direttivo ha adottato la Decisione BCE/2015/38 sulla procedura di esclusione dei membri del personale dalla presunzione di avere un impatto sostanziale sul profilo di rischio di un ente creditizio vigilato. L’atto, entrato in vigore il 2 dicembre, è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea ed è reperibile nel sito Internet della BCE dedicato la vigilanza bancaria (“Banking Supervision”).

Contatti per i media