Menu

Decisioni assunte dal Consiglio direttivo della BCE (in aggiunta a quelle che fissano i tassi di interesse)

Giugno 2020

26 giugno 2020

Operazioni di mercato

Accordo per una linea di pronti contro termine precauzionale con la Banca Naţională a României

Il 5 giugno la BCE ha annunciato che il Consiglio direttivo ha approvato la conclusione di un accordo su una linea di operazioni pronti contro termine per l’erogazione di liquidità in euro alla Banca Naţională a României. L’accordo è finalizzato a far fronte all’eventuale fabbisogno di liquidità in euro in presenza di disfunzioni di mercato dovute allo shock legato alla pandemia di coronavirus (COVID-19). Si rimanda al comunicato stampa consultabile nel sito Internet della BCE.

Calendari indicativi delle operazioni d’asta regolari dell’Eurosistema, degli obblighi di riserva e dei periodi di mantenimento delle riserve

Il 5 giugno il Consiglio direttivo ha approvato i calendari indicativi delle operazioni d’asta regolari dell’Eurosistema nonché degli obblighi di riserva e dei periodi di mantenimento delle riserve per il 2021. Inoltre, ha adottato una modifica con la quale la fine dell’ottavo periodo di mantenimento del 2020 è stata anticipata di una settimana per allinearla al calendario delle riunioni del Consiglio direttivo del 2021, che è stato di recente approvato e pubblicato. I calendari, unitamente a due comunicati stampa in merito, sono pubblicati nel sito Internet della BCE.

Ulteriore ampliamento degli schemi di crediti aggiuntivi in risposta alla pandemia di COVID-19

L’8 giugno il Consiglio direttivo ha approvato le richieste di due banche centrali nazionali (BCN) per la creazione di nuovi schemi temporanei di crediti aggiuntivi e ha altresì approvato le modifiche agli schemi esistenti di altre due BCN. Gli schemi di crediti aggiuntivi sono stati introdotti nel 2011 per consentire alle BCN dell’Eurosistema di accettare temporaneamente in garanzia alcuni crediti non conformi alle regole di idoneità e/o ai requisiti di qualità creditizia stabiliti nelle “Caratteristiche generali”. La serie di misure di allentamento in materia di garanzie adottate dal Consiglio direttivo il 7 aprile prevede la possibilità di ampliare ulteriormente tali schemi, la cui accettazione è soggetta all’approvazione del Consiglio direttivo. Ulteriori informazioni in merito sono reperibili sul sito Internet della BCE.

Cambiamenti della composizione dei gruppi OMRLT-III

Il 9 giugno il Consiglio direttivo ha deciso che le modifiche ai parametri delle operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (OMRLT-III), introdotte dalle Decisioni BCE/2020/13 e BCE/2020/25, e le circostanze eccezionali all’origine di tali modifiche costituiscono ragioni oggettive che giustificano una deroga alle condizioni stabilite all’articolo 3, paragrafi 2 e 3, della Decisione BCE/2019/21. Di conseguenza, il Consiglio direttivo ha deciso di consentire che vengano apportati cambiamenti alla composizione dei gruppi OMRLT-III, permettendo l’inclusione di nuovi membri. Possono essere inclusi soltanto gli enti creditizi che non hanno ancora partecipato individualmente ad alcuna operazione OMRLT-III o che non fanno parte di un altro gruppo OMRLT-III riconosciuto. Sarà accordato un periodo di tolleranza fino al 17 agosto per l’inclusione di nuovi membri in un gruppo OMRLT-III; pertanto eventuali variazioni della composizione di un gruppo avranno effetto soltanto dalla quinta OMRLT-III. Ulteriori informazioni sono disponibili nel sito Internet della BCE.

Minore frequenza delle operazioni in dollari statunitensi con scadenza a sette giorni

Il 17 giugno il Consiglio direttivo ha deciso di modificare la frequenza delle operazioni di immissione di liquidità in dollari statunitensi con scadenza a sette giorni, che a decorrere dal 1o luglio saranno quindi condotte tre volte alla settimana anziché su base giornaliera. In considerazione del notevole calo della domanda per queste operazioni, le banche centrali della rete di swap (comprendente il Federal Reserve System, la BCE, la Banca Nazionale Svizzera, la Bank of Canada, la Banca del Giappone e la Bank of England) hanno concordato che la riduzione della loro frequenza non ne avrebbe minato l’efficacia quale supporto di liquidità. Quest’azione coordinata è stata annunciata con un comunicato stampa congiunto pubblicato simultaneamente sui siti Internet di tutte le banche centrali della rete di swap.

Quadro per l’erogazione di liquidità in euro a banche centrali di paesi non appartenenti dell’area dell’euro

Il 24 giugno il Consiglio direttivo ha deciso di istituire l’Eurosystem Repo Facility for Central Banks (EUREP), un meccanismo di pronti contro termine finalizzato all’erogazione di liquidità in euro a un ampio novero di banche centrali di paesi non appartenenti all’area dell’euro a fronte di determinate garanzie e condizioni. L’obiettivo è attenuare i rischi in bilancio assicurando al tempo stesso condizioni di parità tra le banche centrali che richiedono liquidità. Maggiori dettagli sono contenuti in un comunicato stampa consultabile nel sito Internet della BCE.

Infrastrutture di mercato e pagamenti

Aggiornamento del regolamento interno del gruppo direttivo dei sistemi di deposito accentrato di Target2-Securities

Il 29 maggio il Consiglio direttivo ha approvato l’aggiornamento del regolamento interno del gruppo direttivo dei sistemi di deposito accentrato di Target2-Securities (TARGET2-Securities Central Securities Depositories Steering Group, T2S CSG). L’aggiornamento attua una raccomandazione della società esaminatrice esterna di TS2 di documentare formalmente alcuni punti ricorrenti dell’ordine del giorno per le riunioni del T2S CSG. Il documento aggiornato è disponibile sul sito Internet della BCE.

Rendiconto finanziario di T2S per l’esercizio 2019

Il 29 maggio il Consiglio direttivo ha approvato la pubblicazione del rendiconto finanziario annuale di T2S per il 2019, che è stato sottoposto a verifica integrale del revisore esterno indipendente. Questa pubblicazione assolve l’obbligo disposto dal Contratto quadro di T2S ed è intesa a informare i clienti e i portatori di interessi di TS2, nonché il pubblico, sulle situazione finanziaria di T2S.

Regime tariffario di T2

Il 18 giugno il Consiglio direttivo ha approvato il regime tariffario per il futuro servizio T2, basato sull’attuale schema tariffario di Target2, nonché la sua pubblicazione sul sito Internet della BCE in una fase successiva. T2 è un nuovo servizio che sarà introdotto al completamento del progetto di consolidamento di T2-T2S. Di conseguenza, il servizio Target2 attuale avrà due componenti distinte: la gestione accentrata della liquidità (Central Liquidity Management, CLM) e il regolamento lordo in tempo reale (Real-Time Gross Settlement, RTGS). Il regime tariffario di T2 potrà essere rivisto dopo due anni, tenendo conto dell’evoluzione della crescita dei volumi del sistema RTGS. Ulteriori dettagli saranno pubblicati prossimamente nel sito Internet della BCE.

Pareri su proposte di disposizioni legislative

Parere della BCE relativo a limitazioni del contante per quanto riguarda i pagamenti postali e a misure antiriciclaggio in Belgio

Il 25 maggio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2020/17, richiesto dalla Nationale Bank van België/Banque Nationale de Belgique.

Parere della BCE relativo all’attribuzione alla Banc Ceannais na hÉireann/Central Bank of Ireland del ruolo di registro dei registri delle informazioni sulla titolarità effettiva di taluni istituti finanziari

Il 18 giugno il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2020/18, formulato su richiesta del ministro delle finanze irlandese.

Statistiche

Ampliamento del panel per le statistiche sulle voci di bilancio

Il 5 giugno il Consiglio direttivo ha approvato un ampliamento del panel degli enti creditizi dell’area dell’euro per la trasmissione alla BCE di singole voci di bilancio, al fine di includervi gli enti meno significativi. Di conseguenza, la composizione del panel aumenterà da 300 a circa 3.000 enti creditizi. Nondimeno, gli oneri di segnalazione degli enti interessati rimarranno invariati poiché i loro dati sono già comunicati alle banche centrali nazionali sulla base del Regolamento BCE/2013/33. L’avviso di informazione ai soggetti segnalanti è pubblicato nel sito Internet della BCE.

Vigilanza bancaria

Politica di pubblicazione dei memorandum d’intesa in materia di vigilanza

Il 26 maggio il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di approvare una politica di pubblicazione dei memorandum d’intesa in materia di vigilanza che la BCE conclude con le autorità nazionali competenti dell’UE non partecipanti al Meccanismo di vigilanza unico (MVU), con altre autorità nazionali o dell’UE e con le autorità di paesi terzi. Improntata al principio di trasparenza, la politica prevede in linea generale la pubblicazione di tutti i memorandum d’intesa in materia di vigilanza che la BCE a pieno titolo ha negoziato e firmato, salvo sussista una ragione per non pubblicare un memorandum, integralmente o in parte, ai sensi di uno dei criteri definiti all’articolo 4 della Decisione BCE/2004/3.

Rapporto della BCE sui criteri di concessione del credito

Il 2 giugno il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di approvare la pubblicazione di un rapporto contenente i principali risultati dell’esercizio di raccolta di dati sui criteri di concessione del credito condotto nel 2019. Il rapporto presenta in una prospettiva unica i criteri e le prassi di concessione del credito nell’area dell’euro che sono fondamentali per la stabilità degli enti significativi della regione. Il documento è consultabile nel sito Internet della BCE dedicato alla vigilanza bancaria.

Risultati delle valutazioni approfondite di cinque banche croate e di UBS e Bank of America

Il 4 giugno il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di approvare i risultati finali delle valutazioni approfondite di cinque banche croate (Zagrebačka banka, Privredna banka Zagreb, Erste & Steiermärkische Bank, OTP banka Hrvatska e Hrvatska poštanska banka), nonché di UBS Europe SE e Bank of America Merrill Lynch International Designated Activity Company. La prima valutazione approfondita è stata effettuata in seguito alla richiesta della Croazia di instaurare una cooperazione stretta con la BCE. La seconda valutazione è stata resa necessaria dopo che le due banche hanno trasferito l’attività operativa nell’area dell’euro dal Regno Unito, in seguito al suo recesso dall’UE. Date le loro dimensioni, le due banche ricadono infatti sotto la vigilanza diretta della BCE. Due comunicati stampa, con i risultati integrali delle valutazioni che le banche interessate hanno acconsentito a pubblicare, sono disponibili nel sito Internet della BCE dedicato alla vigilanza bancaria.

Conformità agli orientamenti dell’ABE sul calcolo della scadenza media ponderata per i segmenti di cartolarizzazione

Il 9 giugno il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di informare l’Autorità bancaria europea (ABE) dell’intenzione della BCE di conformarsi, per gli enti significativi sotto la sua vigilanza diretta, agli orientamenti dell’ABE del 4 maggio 2020 sulla determinazione della scadenza media ponderata dei pagamenti contrattuali dovuti nell’ambito del segmento in conformità dell’articolo 257, paragrafo 1, lettera a), del Regolamento (UE) n. 575/2013 (EBA/GL/2020/04).

Contatti per i media