Decisioni assunte dal Consiglio direttivo della BCE (in aggiunta a quelle che fissano i tassi di interesse)

Aprile 2014

EMBARGO

DIVIETO DI DIFFUSIONE fino alle ore 15.00 (ora dell’Europa centrale) di giovedì 17 aprile 2014

Sistema dei pagamenti e infrastrutture di mercato

Card payments in Europe – a renewed focus on SEPA for cards

Il 4 aprile il Consiglio direttivo ha approvato il summenzionato rapporto sui pagamenti con carta in Europa, redatto dal Comitato per i sistemi di pagamento e regolamento, e ne ha autorizzato la pubblicazione sul sito Internet della BCE. Il rapporto offre una visione esaustiva dello stato dei pagamenti con carta in Europa. Il documento, unitamente a un comunicato stampa, sarà diffuso a breve nel sito Internet della BCE.

Pareri su proposte di disposizioni legislative

Parere della BCE relativo alle norme sul conflitto di interessi per gli alti funzionari del Banco de España

Il 20 marzo il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2014/22, formulato su richiesta del Banco de España.

Parere della BCE relativo alla misurazione del rischio di credito e del rischio paese di gruppi bancari in Austria

Il 27 marzo il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2014/23, richiesto dalla Oesterreichische Nationalbank.

Parere della BCE relativo alla gestione delle crisi in Lituania

Il 2 aprile il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2014/24, formulato su richiesta della cancelleria del governo lituano.

Parere della BCE sull’indipendenza della Banka Slovenije

L’11 aprile il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2014/25, richiesto dal Presidente del parlamento sloveno.

Parere della BCE sulle operazioni relative a titoli pubblici in Romania

Il 14 aprile il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2014/26, formulato su richiesta della Banca Naţională a României.

Statistiche

Decisione e raccomandazione della BCE relative all’organizzazione delle misure preparatorie per la raccolta di dati granulari sul credito da parte del Sistema europeo di banche centrali

Il 24 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato la Decisione BCE/2014/6 e la Raccomandazione BCE/2014/7 relative all’organizzazione delle misure preparatorie per la raccolta di dati granulari sul credito da parte del Sistema europeo di banche centrali. I due atti giuridici hanno per oggetto i preparativi necessari ai fini della graduale introduzione di uno schema a lungo termine per la rilevazione dei dati granulari sul credito – ovvero sulle esposizioni di enti creditizi o altre istituzioni finanziarie erogatrici di prestiti verso i debitori – forniti per singolo debitore o prestito, in base ai requisiti di segnalazione statistica armonizzati della BCE. Entrambi gli atti, già disponibili nel sito Internet della BCE, saranno pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Rapporti sulla qualità delle statistiche nel 2013

Il 20 marzo il Consiglio direttivo ha approvato la valutazione annuale della disponibilità e della qualità delle diverse tipologie di statistiche compilate dall’Eurosistema sulla base di un atto giuridico della BCE. Ha inoltre autorizzato la pubblicazione dei rapporti di qualità del 2013 sulle statistiche relative alla bilancia dei pagamenti e alla posizione patrimoniale sull’estero dell’area dell’euro e ai conti finanziari trimestrali dell’area. I documenti, predisposti conformemente al quadro di riferimento della BCE per la qualità delle statistiche (ECB Statistics Quality Framework), saranno a breve reperibili nel sito Internet della BCE.

Raccomandazione della BCE per un regolamento del Consiglio che modifichi il Regolamento (CE) n. 2533/98 sulla raccolta di informazioni statistiche da parte della Banca centrale europea

Il 21 marzo il Consiglio direttivo ha adottato la Raccomandazione BCE/2014/13 al Consiglio dell’Unione europea per un regolamento del Consiglio che modifichi il Regolamento (CE) n. 2533/98 sulla raccolta di informazioni statistiche da parte della Banca centrale europea. La raccomandazione risponde alla necessità di utilizzare informazioni statistiche per l’assolvimento delle funzioni di vigilanza da parte della BCE. L’atto sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea e nel sito Internet della BCE.

Raccomandazione della BCE relativa alle regole comuni e alle norme minime necessarie per garantire la riservatezza delle informazioni statistiche raccolte dalla Banca centrale europea con il contributo delle banche centrali nazionali

Il 27 marzo il Consiglio direttivo ha adottato la Raccomandazione BCE/2014/14 relativa alle regole comuni e alle norme minime necessarie per garantire la riservatezza delle informazioni statistiche raccolte dalla Banca centrale europea con il contributo delle banche centrali nazionali (BCN). La raccomandazione risponde all’accresciuta necessità di uno scambio di dati statistici riservati in seno al Sistema europeo di banche centrali (SEBC). L’atto, già disponibile sul sito Internet della BCE, sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Indirizzo della BCE relativo alle statistiche monetarie e finanziarie (rifusione)

Il 4 aprile il Consiglio direttivo ha adottato l’Indirizzo BCE/2014/15 relativo alle statistiche monetarie e finanziarie, che abroga l’Indirizzo BCE/2007/9. Finalità del nuovo atto giuridico è allineare lo schema di segnalazione sia con il Regolamento (UE) n. 549/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2013, relativo al Sistema europeo di conti nazionali e regionali nell’Unione europea, sia con i pertinenti regolamenti della BCE sulle statistiche modificati di recente. L’indirizzo sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea e nel sito Internet della BCE.

Governance interna

Presidenza del Comitato legale

Il 16 aprile il Consiglio direttivo ha designato con decorrenza immediata e scadenza al 31 dicembre 2016 Chiara Zilioli, Direttore Generale presso la Direzione Generale Servizi legali della BCE, alla presidenza del Comitato legale.

Modifiche del quadro di riferimento della BCE sulle sanzioni

Il 16 aprile il Consiglio direttivo ha adottato la Raccomandazione BCE/2014/19 per la modifica del Regolamento (CE) n. 2532/98 del Consiglio sul potere della Banca centrale europea di irrogare sanzioni e il Regolamento BCE/2014/18 che modifica il Regolamento (CE) n. 2157/1999 sul potere della Banca centrale europea di irrogare sanzioni (BCE/1999/4). Con tali emendamenti ci si prefigge di adeguare il quadro di riferimento della BCE sulle sanzioni in vista dell’istituzione del Meccanismo di vigilanza unico: la raccomandazione mira ad allineare le norme procedurali enunciate nel Regolamento (CE) n. 2532/98 con quelle esposte nel Regolamento (UE) n. 1024/2013 del Consiglio, con particolare riguardo ai massimali delle ammende e delle penalità di mora, alla procedura decisionale per l’imposizione di sanzioni e ai limiti di tempo previsti. Gli emendamenti del Regolamento (CE) n. 2157/1999 precisano che tale quadro di riferimento non si applica alle sanzioni comminate dalla BCE nell’assolvimento dei compiti di vigilanza, disciplinate invece dal Regolamento quadro sull’MVU. Entrambi gli atti giuridici saranno pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea e nel sito Internet della BCE.

Vigilanza bancaria

Regolamento quadro della BCE sull’MVU

Il 16 aprile il Consiglio direttivo ha adottato il Regolamento BCE/2014/17 che istituisce il quadro di cooperazione nell’ambito del Meccanismo di vigilanza unico tra la Banca centrale europea e le autorità nazionali competenti e con le autorità nazionali designate (Regolamento quadro sull’MVU). L’atto giuridico precisa le modalità pratiche di attuazione della cooperazione nel contesto dell’MVU. Il regolamento, insieme a un documento che riepiloga gli esiti della consultazione pubblica e i commenti ricevuti in tale contesto, sarà reso noto il 25 aprile nel sito Internet della BCE e in seguito nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Decisione della BCE relativa all’istituzione della Commissione amministrativa del riesame e alle relative norme di funzionamento

Il 14 aprile il Consiglio direttivo ha adottato la Decisione BCE/2014/16 relativa all’istituzione della Commissione amministrativa del riesame e alle relative norme di funzionamento. La Commissione è incaricata di svolgere il riesame amministrativo interno delle decisioni assunte dalla BCE nell’esercizio dei poteri conferiti dal Regolamento (UE) n. 1024/2013 del Consiglio, su richiesta di persone fisiche o giuridiche nei confronti delle quali tali decisioni sono prese o che le riguardino direttamente e individualmente. L’atto sarà pubblicato nel sito Internet della BCE e in seguito nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Contatti per i media