Cosa si intende per indicazioni prospettiche ovvero “forward guidance”?

15 dicembre 2017

Le indicazioni prospettiche, o “forward guidance”, sono informazioni che la banca centrale può fornire riguardo alle sue future intenzioni per quanto concerne la politica monetaria, in base alla valutazione delle prospettive per la stabilità dei prezzi.

La BCE ha iniziato a utilizzare le indicazioni prospettiche nel luglio 2013, quando il Consiglio direttivo ha annunciato di attendersi che i tassi di interesse di riferimento sarebbero rimasti su bassi livelli per un prolungato periodo di tempo. Da allora le indicazioni prospettiche della BCE sono state riformulate in varie occasioni; al momento esprimono chiaramente le intenzioni del Consiglio direttivo non soltanto in relazione alle attese sul futuro andamento dei tassi di riferimento della BCE, ma anche per quanto concerne l’orizzonte del suo programma di acquisto di attività.

Per preservare la credibilità, il contenuto delle indicazioni prospettiche della BCE sulle intenzioni relative alla politica monetaria deve essere sempre coerente con la valutazione del Consiglio direttivo riguardo alla situazione economica corrente e alle prospettive per il futuro, con particolare riferimento all’inflazione.

Come funzionano in pratica?

Esempio del possibile funzionamento delle indicazioni prospettiche:

Indicazioni prospettiche Indicazioni prospettiche

Quando occorre fornire indicazioni prospettiche?

La BCE utilizza i propri strumenti convenzionali di politica monetaria (tassi di interesse di riferimento) per mantenere l’inflazione nell’area dell’euro in linea con il proprio obiettivo (un tasso di inflazione sui 12 mesi inferiore ma prossimo al 2 per cento in un orizzonte di medio termine). Se l’inflazione è eccessivamente bassa, la BCE può ridurre i propri tassi di interesse per riportarla su livelli più elevati. Tuttavia, se i tassi di interesse sono già molto contenuti, difficilmente la banca centrale potrà abbassarli ancora traendone un beneficio significativo. Occorrono quindi altri strumenti di politica monetaria: le indicazioni prospettiche sono uno di questi.

In simili circostanze una chiara comunicazione delle future intenzioni riguardo alla politica monetaria aiuta le banche, gli operatori dei mercati finanziari, le imprese e i consumatori a comprendere meglio la probabile evoluzione dei costi del finanziamento, contribuendo a rilanciare l’economia.

Le indicazioni prospettiche rendono quindi più efficace la politica monetaria della BCE e ci aiutano a conseguire il nostro principale obiettivo al servizio dei cittadini d’Europa: mantenere stabili i prezzi all’interno dell’area dell’euro.