Quadro istituzionale

Consiglio direttivo

Al Consiglio direttivo della BCE spetta il compito di assumere decisioni macroprudenziali. Queste decisioni si applicano a tutte le banche nel perimetro del Meccanismo di vigilanza unico (MVU) e a tutti i paesi partecipanti all’MVU, vale a dire i paesi dell’area dell’euro e gli altri Stati membri dell’UE le cui autorità nazionali abbiano sottoscritto accordi di cooperazione stretta con la BCE.

Consesso macroprudenziale

Il Consesso macroprudenziale, composto dal Consiglio direttivo e dal Consiglio di vigilanza della BCE, offre una sede per discutere regolarmente ad alto livello questioni micro e macroprudenziali, raccogliendo contributi da tutta Europa.

Comitato per la stabilità finanziaria

Il Consiglio direttivo e il Consesso macroprudenziale sono assistiti dal Comitato per la stabilità finanziaria, che comprende rappresentanti della BCE, delle banche centrali nazionali e delle autorità di vigilanza. Il Comitato è una delle sedi in cui la BCE e le autorità nazionali conducono valutazioni del rischio congiunte e coordinano la propria azione sul piano delle politiche.

Cooperazione con autorità e organismi a livello europeo e internazionale

La BCE collabora strettamente con altre istituzioni e altri organismi europei come le autorità europee di vigilanza, fra le quali l’Autorità bancaria europea (ABE), e il Comitato europeo per il rischio sistemico (CERS), per definire il quadro regolamentare, di vigilanza e di risoluzione applicato dall’UE.

Contribuisce inoltre al dibattito istituzionale sulla regolamentazione e sulla vigilanza, sia in consessi internazionali (quali il Financial Stability Board e il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria) sia a livello europeo (ad esempio in seno alla Commissione europea).