In che modo la BCE rende conto del proprio operato?

10 luglio 2015

L’operato della BCE influisce sulla vita di 340 milioni di persone e su milioni di imprese nell’area dell’euro, per l’esattezza sulle loro decisioni di risparmio o investimento, di indebitamento o finanziamento. Per questa ragione la BCE deve necessariamente rendere conto del proprio operato e cerca di spiegare le decisioni prese ai cittadini, ai loro rappresentanti eletti e anche agli organi di informazione e ai mercati finanziari.

Formalmente la BCE, quale istituzione dell’UE, è chiamata a rispondere ai cittadini europei tramite il Parlamento europeo. Quest’obbligo è stabilito dai trattati dell’Unione europea, che specificano anche i diversi canali attraverso i quali esercitarlo, ad esempio attraverso il regolare dialogo tra il Presidente della BCE e il Parlamento europeo.

Responsabilità per il proprio operato

Oltre a soddisfare gli obblighi giuridici, periodicamente i membri del Comitato esecutivo prendono in esame gli andamenti economici, la politica monetaria e altri temi fondamentali nei discorsi e nelle interviste agli organi di informazione. Questi contributi sono pubblicati nel sito Internet per lo più in inglese, ma a volte sono tradotti in una o più lingue. Dall’inizio del 2015 la BCE divulga inoltre i resoconti delle riunioni di politica monetaria del Consiglio direttivo, per accrescere ancor più la trasparenza sulle sue azioni, in aggiunta alla conferenza stampa tenuta dopo ogni riunione di politica monetaria.