Sostenibilità

Sostenibilità edilizia

Facciata in vetro

© Robert Metsch

La sostenibilità edilizia interessa non solo le problematiche ambientali, l’efficienza tecnica e i requisiti funzionali, ma anche la riqualificazione urbana e gli aspetti sociali.

Progettazione integrata

Nel 2002, nell’ambito del concorso internazionale di progettazione architettonica e urbanistica della sua nuova sede, la BCE ha definito il programma di articolazione funzionale e spaziale e ha fissato obiettivi precisi per i consumi energetici, spiegando inoltre le condizioni del sito e dell’area circostante.

In uno dei principali messaggi rivolti agli architetti che hanno partecipato al concorso, la BCE esprimeva la propria preferenza per una progettazione di tipo integrato. Ciò significa che l’architetto collabora sin dall’inizio con un ingegnere strutturale e un esperto di progettazione energetica e climatica, al fine di ottimizzare l’efficienza energetica e la sostenibilità dell’edificio. Il progetto per la nuova sede della BCE doveva pertanto basarsi sui principi di sostenibilità ed efficienza ottimale, tenendo conto degli aspetti economici, ambientali e sociali che andavano valutati in relazione ai futuri costi operativi e di manutenzione e ai consumi energetici. Durante il concorso e in tutte le fasi della procedura di valutazione, l’efficienza energetica del progetto e la sua sostenibilità hanno rappresentato considerazioni importanti.

Riqualificazione urbana

Uno degli elementi della sostenibilità è la riqualificazione urbana. La zona in gran parte pavimentata attorno alla Grossmarkthalle, adibita in precedenza al parcheggio e allo scarico dei camion, sarà infatti convertita in una grande area verde. Insieme ad altri parchi circostanti – la GrünGürtel (cintura verde), il Mainuferpark (un parco lungo le sponde del fiume Meno), il vicino Hafenpark (un nuovo parco incentrato sul tema “sport e movimento”) e l’Ostpark (il parco nel quartiere Ostend) – contribuirà alla creazione di un “polmone verde” per la città di Francoforte.

Riciclaggio

Nell’estate 2008 sono stati eseguiti nel sito i lavori preliminari, finalizzati a preparare il terreno per le opere di costruzione principali. Innanzitutto sono stati effettuati lo scavo e la rimozione della terra, che prima del trasporto ha dovuto essere analizzata affinché fosse smaltita nel massimo rispetto dell’ambiente. I due edifici residenziali di quattro piani, annessi alla Grossmarkthalle, sono stati demoliti preservando i mattoni, che sono poi stati puliti uno per uno e conservati per eventuali riparazioni di parti danneggiate della facciata dell’edificio.

I binari ferroviari in disuso del sito della Grossmarkthalle sono stati rimossi con cura e inviati per la maggior parte alla Härtsfeld-Museumsbahn (compagnia ferroviaria nel Land del Baden-Württemberg), che ora li utilizza per i suoi treni a vapore con cui organizza escursioni nei mesi estivi.

Sostenibilità e riutilizzo

La riconversione della Grossmarkthalle, che formerà parte integrante della nuova sede della BCE, contribuirà anche alla sostenibilità del progetto complessivo. Al momento dell’acquisto del sito la BCE ha concordato che le caratteristiche estetiche salienti dell’edificio sarebbero state preservate. Affinché la Grossmarkthalle sia restaurata in modo adeguato, la BCE ha lavorato di stretto concerto con tutte le autorità locali, in particolare con quelle responsabili per la tutela dei beni storici e per il risparmio energetico del Comune di Francoforte e del Land dell’Assia. Questa collaborazione ha reso possibile fra l’altro la progettazione di finestre simili a quelle originali, in linea con i vincoli di conservazione, ma più efficienti sotto il profilo energetico.