COMUNICATO STAMPA

Stato della contraffazione delle banconote in euro nel secondo semestre del 2008

12 gennaio 2009

Nella seconda metà del 2008 sono stati ritirati in totale dalla circolazione 354.000 biglietti in euro contraffatti. Questa cifra rappresenta un aumento di circa il 13 per cento rispetto al quantitativo dei falsi rinvenuti nei sei mesi precedenti. L’andamento dei dati semestrali mostra un recente graduale incremento del numero di falsificazioni (cfr. tavola seguente).

Periodo 2004/1 2004/2 2005/1 2005/2 2006/1 2006/2 2007/1 2007/2 2008/1 2008/2
Numero di falsi 307.000 287.000 293.000 286.000 300.000 265.000 265.000 296.000 312.000 354.000

Essendo, tuttavia, aumentato anche il numero di banconote in euro autentiche in circolazione (in media oltre 12 miliardi nella seconda metà del 2008 [1]), l’entità della contraffazione resta esigua. Il pubblico può pertanto confidare nella qualità e nelle caratteristiche di sicurezza dei biglietti in euro. Al tempo stesso, l’Eurosistema – costituito dalla Banca centrale europea (BCE) e dalle banche centrali nazionali (BCN) dei sedici paesi dell’area dell’euro – invita i cittadini a mantenere un atteggiamento vigile e a controllare l’autenticità delle banconote ricevute.

Ripartizione in base al taglio delle contraffazioni ritirate dalla circolazione nella seconda metà del 2008:

€5 €10 €20 €50 €100 €200 €500
Percentuale 0,5 1,5 43 34 17,5 3,5 0

Sebbene in termini storici la banconota da €50 abbia fatto registrare il più elevato numero di falsi, nel secondo semestre del 2008 il biglietto maggiormente contraffatto è stato quello da €20. I tre tagli intermedi (€20, €50 e €100) rappresentano insieme circa il 94 per cento di tutte le falsificazioni.

Nel secondo semestre del 2008 la maggioranza dei falsi (pari al 98 per cento) è stata rinvenuta nei paesi dell’area dell’euro, mentre solo circa l’1 per cento proviene da Stati membri dell’Unione europea non appartenenti all’area dell’euro e il restante 1 per cento da altre parti del mondo.

L’Eurosistema continua ad adoperarsi con grande impegno affinché sia i cittadini, sia le categorie professionali che operano con il contante siano debitamente informati su come riconoscere le banconote contraffatte. I falsi sono facilmente individuabili con il semplice metodo basato sulle tre parole chiave “toccare, guardare, muovere”, che viene illustrato nelle pubblicazioni dell’Eurosistema e nei siti Internet della BCE e delle BCN. In caso di dubbio, la banconota sospetta va subito confrontata con un’altra di autenticità comprovata. Chiunque sospetti di avere ricevuto un falso deve contattare la polizia o, se in linea con la prassi nazionale, la banca centrale del proprio paese, fornendo quanti più dettagli possibile riguardo alla provenienza del biglietto.



[1] Informazioni più dettagliate sul numero di banconote in circolazione sono reperibili, soltanto in inglese, nel sito Internet della BCE alla pagina http://www.ecb.europa.eu/stats/euro/circulation/html/index.en.html.

Contatti per i media