COMUNICATO STAMPA

La Banca Centrale Europea bandisce un concorso internazionale di architettura

26 novembre 2002

La Banca centrale europea (BCE) ha indetto un concorso internazionale di progettazione architettonica e urbanistica in vista della costruzione della sua nuova sede. Gli obiettivi del concorso sono la selezione delle migliori soluzioni progettuali e la designazione dell'architetto a cui verrà affidato lo sviluppo dettagliato del progetto nonché, se possibile, l'esecuzione dell'opera.

La nuova sede sarà edificata nel settore orientale di Francoforte sul Meno, su un'area di circa 120 mila m2 ubicata sul lungofiume, ove sorge la Großmarkthalle (mercato all'ingrosso). La BCE ha acquistato il terreno dalla Città di Francoforte nel marzo del 2002. Il complesso dovrà ospitare 2.500 postazioni di lavoro; esso comprenderà uffici e aree speciali, che si estenderanno su una superficie utilizzabile principale di circa 100 mila m2. Saranno inoltre predisposte le necessarie aree tecniche e strutture di parcheggio.

Il concorso per progetti a procedura ristretta organizzato dalla BCE è rivolto ad architetti di ogni paese del mondo; il termine ultimo per la presentazione delle domande è fissato al 20 gennaio 2003. Nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee e sul sito Internet della BCE è stato pubblicato un bando di concorso aperto, in conformità del quale gli interessati dovranno sottoporre la propria candidatura. In seguito alla preselezione dei soggetti in possesso delle qualifiche richieste, la procedura si articolerà in due fasi. Nella corso della prima, ottanta architetti prescelti fra gli idonei saranno invitati a sviluppare un progetto preliminare, tenendo conto del fatto che la Großmarkthalle è un edificio di interesse storico ufficialmente riconosciuto.

In seguito la commissione giudicatrice, composta da architetti di fama internazionale e da rappresentanti della Città di Francoforte e del Sistema europeo di banche centrali (SEBC), selezionerà la rosa dei dodici candidati che verranno ammessi alla seconda fase.

Membri della commissione giudicatrice

In rappresentanza del SEBC

Lucas Papademos, Vicepresidente della BCE (Presidente della commissione giudicatrice); Liam Barron, Direttore Generale della Central Bank of Ireland; Sirkka Hämäläinen, Membro del Comitato esecutivo della BCE; Yves Mersch, Governatore della Banque centrale du Luxembourg; Hanspeter K. Scheller, Direttore Generale Amministrazione della BCE; Ernst Welteke, Presidente della Deutsche Bundesbank.

In rappresentanza della Città di Francoforte

Edwin Schwarz, Assessore all'Urbanistica.

Architetti esterni

Françoise-Hélène Jourda, Parigi, Francia (Vicepresidente della commissione giudicatrice); Oriol Bohigas, Barcellona, Spagna; Kees Christiaanse, Rotterdam, Paesi Bassi; Massimiliano Fuksas, Roma, Italia; Michael Wilford, Londra, Regno Unito.

Membri supplenti

In rappresentanza del SEBC

Hans Georg Fabritius, Membro del Comitato esecutivo della Deutsche Bundesbank; Klaus Gressenbauer, Direttore Pianificazione e Controllo della BCE; Brian Halpin, Vicedirettore Generale della Central Bank of Ireland; Thomas Rinderspacher, Capo Divisione Stabili della BCE; Fernand Yasse, Capo di Organisation et gestion des risques della Banque centrale du Luxembourg.

In rappresentanza della Città di Francoforte

Dirk Zimmermann, Capo del Dipartimento di Urbanistica.

Architetti esterni

Craig Dykers, Oslo, Norvegia; Martha Schwartz, Boston, Stati Uniti.

I dodici finalisti dovranno presentare progetti architettonici dettagliati per ciascuno degli edifici da costruire. Al termine della seconda fase la commissione giudicatrice designerà tre vincitori. È stato stanziato un ammontare complessivo di 700.000 euro per il rimborso spese dei dodici finalisti e l'assegnazione dei premi ai tre vincitori. La decisione della commissione giudicatrice, a cui farà seguito la premiazione, è prevista orientativamente per il primo trimestre del 2004.

Informazioni dettagliate sul concorso sono reperibili nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee e sul sito Internet della BCE www.ecb.europa.eu/premises/.

Contatti per i media